Femminicidio, Italia non ha antidoto per fermare il disprezzo maschile verso le donne

29 Giugno 2023
Lettura 5 min

Michelle Maria Causo aveva solo 17 anni. Il suo corpo è stato buttato accanto a un cassonetto dell’immondizia nel quartiere Primavalle, a Roma. A lanciare l’allarme, un passante che si era insospettito: il carrello della spesa nel quale vi era la busta dell’immondizia grondava sangue. La polizia sospetta di un coetano che, portato in questura, viene sentita alla presenza del pm del tribunale per i minorenni. In mattinata arriva il fermo con l’accusa di omicidio. Secondo i dati del Dipartimento di Pubblica sicurezza, dall’1 gennaio al 25 giugno di quest’anno, in Italia si sono registrati 157 omicidi, con 57 vittime donne, di cui 47 uccisi in ambito familiare/affettivo.

4 GENNAIO, GENOVA. A Pontedecimo, muore Giulia Donato, 23 anni, uccisa dall’ex compagno. Il suo corpo viene ritrovato dalle forze dell’ordine dopo l’allarme lanciato dalla sorella. Secondo le ricostruzioni, il trentaduenne, una guardia giurata, era arrivato a casa dell’ex fidanzata armata della propria pistola d’ordinanza. Prima le ha sparato, poi si è suicidato con la stessa arma da fuoco.

13 GENNAIO, ROMA. Martina Scialdone, 34 anni, viene ammazzata a Roma, in zona Furio Camillo tra i quartieri Tuscolano e Appio Latino. La vittima è stata raggiunta da un colpo di pistola sparato dall’ex compagno Costantino Bonaiuti, 61 anni.

14 GENNAIO, BELLARIA IGEA MARINA (RIMINI). Oriana Brunelli, 70 anni, muore ammazzata dall’ex amante Vittorio Cappuccini, 80 anni. Secondo quanto ricostruito, i due avevano una relazione extraconiugale. Lui, ex vigile, l’ha uccisa con tre colpi di pistola e dopo si è tolto la vita.

15 GENNAIO, TRANI. Teresa Di Tondo, 44 ​​anni muore ammazzata dal marito con diversi colpi di arma da taglio. Il marito, 52 anni, dopo averla uccisa, è uscito in giardino e si è impiccato.

1 FEBBRAIO, CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MANTOVA). Yana Malayko, 23 anni, era scomparsa nella notte tra il 19 e il 20 gennaio. Il suo corpo viene ritrovato a Lonato del Garda, in provincia di Brescia, in aperta campagna. La 23enne è stata ammazzata da Dumitru Stratan, un 33enne con il quale aveva avuto una relazione, terminata a dicembre 2022.

6 FEBBRAIO, LECCO. Antonia Vacchelli, 86 anni, viene ammazzata dal marito Umberto Antonello, ex ferroviere, che l’ha strangolata a mani nude. L’uomo ha confessato di averla ammazzata perché non sopportava l’idea ‘di vederla soffrire’. Ai giudici ha spiegato che averla ammazata, per lui, era un ‘gesto d’amore’.

11 FEBBRAIO, RIPOSTO (CATANIA). Melina Marino, 48 anni, e Santa Castorina, 50 anni, vengono trovati senza vita a Riposto, in provincia di Catania. Qualche ora più tardi Salvatore La Motta, 63 anni, ergastolano in regime di semilibertà e in permesso premio, si presenta armato davanti alla caserma dei carabinieri e si è suicidato. Secondo quanto ricostruito, Melina Marino aveva una relazione con La Motta e aveva deciso di lasciarlo: la confessione resa alla sua amica avrebbe spinto il 63enne ad ammazzare anche Castorina.

19 FEBBRAIO, MERANO (BOLZANO). Sigrid Gröber, 39 anni, originaria di Brunico, muore nella notte tra il 18 e il 19 febbraio all’ospedale di Merano in provincia di Bolzano, dove poco prima era stata ricoverata in gravissime condizioni. Ad ammazzarla il compagno Alexander Gruber, 55 anni. Secondo l’autopsia, la donna è morta in seguito alle lesioni riportate per i calci ei pugni ricevuti dal compagno.

25 FEBBRAIO. CAPODARDO, FRAZIONE DI FERMO. Giuseppina Traini, 85 anni, uccisa a coltellata dal marito Giovanni Petrini, 87 anni. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di omicidio.

4 MARZO, GIARRATANA (RAGUSA). Costantina dell’Albani, 52 anni, è stata uccisa di notte nella casa di famiglia dove stava accudendo l’anziana madre. La vittima è stata colpita con diverse coltellate dal cognato Mariano Barresi, 66 anni, arrestato dai carabinieri.

7 MARZO, ROSARNO (REGGIO CALABRIA). Iulia Astafieya, di 35 anni, di nazionalità ucraina, è stata uccisa dal compagno, Denis Molchanov, suo connazionale, a Rosarno, in provincia di Reggio Calabria. L’uomo è stato fermato nella notte dalla polizia reggina, dopo alcune ore di ricerche. Ad avvisare gli inquirenti, secondo quanto riferito a LaPresse da fonti investigative, il proprietario della casa nella quale la vittima risiedeva con il compagno.

10 MARZO, GIOIOSA MAREA (MESSINA). Maria febronia Buttò, 61 anni, è stata uccisa a coltellate dal marito Tindaro Molica Nardo, 65 anni, che, dopo averla ammazzata, ha utilizzato la stessa arma per suicidarsi.

28 MARZO, TUORO SUL TRASIMENO, (PERUGIA). Francesca Giornelli muore strangolata dal compagno Lamberto Roscini che dopo si è impiccato. I l ha utilizzato la stessa arma per suicidarsi.

28 MARZO, TUORO SUL TRASIMENO, (PERUGIA). Francesca Giornelli muore strangolata dal compagno Lamberto Roscini che dopo si è impiccato. I l ha utilizzato la stessa arma per suicidarsi.

28 MARZO, TUORO SUL TRASIMENO, (PERUGIA). Francesca Giornelli muore strangolata dal compagno Lamberto Roscini che dopo si è impiccato. Il femminicidio , avvenuto nella casa dove i due abitavano a Tuoro sul Trasimeno, in provincia di Perugia, è stato confessato dall’uomo in alcuni biglietti scritti prima di suicidarsi.

30 MARZO, TERNI. Zenepe Uruci, 56 anni, viene ammazzata dal marito Xhafer Uruci, 62 anni nella propria abitazione. La coppia, originaria dell’Albania, da tempo viveva nel quartiere Borgo Rivo. La donna, vittima da anni di maltrattamenti da parte del marito, è stata uccisa a coltellate. L’uomo, arrestato dalla polizia con l’accusa di omicidio volontario, è morto suicida nella cella del carcere dove era rinchiuso.

13 APRILE, AREZZO. Sara Ruschi, 35 anni, e la mamma, Brunetta Ridolfi, 76 anni, vengono uccisi dal compagno della giovane, Jawad Hicham, di 38 anni, nella loro abitazione di Arezzo. L’uomo ha aggredito le due donne con un coltello da cucina: la suocera è deceduta sul mentre la compagna è morta in ospedale. Il duplice omicidio è avvenuto davanti ai due figli della coppia, uno di 16 anni che poi ha chiamato la polizia, e la più piccola di soli 2 anni.

6 MAGGIO, SAVONA – Safayou Sow, 27 anni cittadino della Guinea, si è presentato con una pistola semiautomatica e ha ucciso la ex compagna, Danjela Neza, 29enne di origini albanesi dopo la fine della loro relazione. L’uomo si è costituito.

27 MAGGIO, SENAGO – Giulia Tramontano era incinta di 7 mesi quando è stata ammazzata dal suo compagno, Alessandro Impagnatiello, 30 anni che poi confessa l’omicidio. Era stato lui a denunciare la scomparsa della ragazza, 29enne nata a Sant’Antimo, in provincia di Napoli, il 28 maggio. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato 3 giorni dopo. Giulia Tramontano è stata uccisa a coltellate la sera del 27 maggio: tra il 37 ei 40 colpi quelli che le ha inferto il compagno. Impagnatiello portava avanti una relazione parallela con una collega, ma era stato scoperto da entrambe.  

1 GIUGNO, ROMA – Pierpaola Romano ha 58 anni ed è una poliziotta. Un suo collega, Massimiliano Carpineti, la uccide con la pistola d’ordinanza. Il corpo dell’assassino viene ritrovato nella sua auto qualche ora più tardi: si è tolto la vita utilizzando la stessa arma. I due erano amanti, Pierpaola Romano aveva deciso di mettere un punto alla loro storia quando aveva scoperto di essere malata di cancro. Carpineti non ha accettato la fine della loro relazione e l’ha uccisa. 

9 GIUGNO, INCISA SCAPACCINO (ASTI) – Floriana Floris, 49 anni, viene ritrovata senza vita nella sua abitazione. Sua figlia, nata da un precedente matrimonio, non riuscì a sentirla da qualche giorno e ha lanciato l’allarme. Ad ammazzarla con 30 coltellate l’attuale compagno della donna, Paolo Riccone, 50 anni, che ha tentato invano il suicidio. Sotto interrogatorio da parte dei carabinieri e della magistratura, l’uomo ha confessato. 

19 GIUGNO, RIMINI – Svetlana Ghenciu, 47 anni, e Gioacchino Leonardi, 50 anni, sono stati trovati morti nel corso del tardo pomeriggio del 19 giugno 2023 all’interno dell’abitazione in cui risiedevano a Borgo Marina di Rimini. A ritrovare i corpi dei due, il figlio 16enne della coppia, rientrato a casa dopo un paio di giorni. 

28 GIUGNO – Michelle Maria Causa ha solo 17 anni. Il suo corpo viene abbandonato accanto a un cassonetto dell’immondizia, nel quartiere Primavalle, a Roma. Per la sua morte c’è un fermato, un 17enne, sentito in questura per molte ore prima del provvedimento cautelare.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Strage Bologna. Arrestato Paolo Bellini, ritenuto tra gli esecutori dell’attentato

Prossimo Servizio

Tassi alti catastrofici: “Bce sia più prudente, la Germania è verso recessione”

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu

Don't Miss