Caso Lombardia Film Commission, Corte appello Milano conferma condanna per Di Rubba (tesoriere Lega) e Manzoni (ex contabile)

23 Aprile 2024
Lettura 1 min

Sono stati condannati anche in appello il tesoriere della Lega Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, anche lui ex contabile per il Carroccio in Parlamento, rispettivamente a 4 anni, 6 mesi e 20 giorni e a 3 anni, con riduzione delle pene rispetto al primo grado, nel processo per le accuse di peculato e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente sul caso della compravendita, tra il 2017 e il 2018, del capannone di Cormano, nel Milanese, acquistato dalla Lombardia film commission e con cui sarebbero stati drenati 800 mila euro di fondi pubblici. Lo ha deciso la Corte d’Appello di Milano.

 L’avvocato e professoressa Piermaria Corso, legale di Alberto Di Rubba, “ritiene che le prove in atti avrebbero potuto e dovuto portare ad un diverso epilogo” e “si è riservato di valutare le argomentazioni della Corte, ma ha anticipato di ritenere doveroso il ricorso per cassazione nell’interesse della Giustizia e del suo assistito”. Lo spiega la difesa in merito alla condanna in appello a Milano del tesoriere della Lega per il caso Lombardia Film Commission.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Un crollo dietro l’altro. Dalla Lega a Forza Italia. “Ciao Matteo”. Se ne va anche il primo sindaco in Lazio, a Ladispoli

Prossimo Servizio

La Nuova Padania si stringe attorno a Gigi Cabrino per la perdita del padre

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu