Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018, utilizzabili per il Redditometro “. Maurizio Leo, viceministro dell’Economia con la delega sul Fisco, spiega così al Corriere della Sera la decisione sul Redditometro che ha mandato su tutte le furie la Lega e Forza Italia. “Intendiamoci – sottolinea Leo – è soltanto un decreto attuativo previsto da una norma di legge, che rende il Redditometro uno strumento diverso, che viene incontro ai contribuenti onesti. Noi e tutto il centrodestra restiamo contrari al vecchio Redditometro che

in primo piano

i più letti

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

TornaSu