Gadda (IV), stop superbonus non lasci nei guai il terzo settore e le onlus

24 Aprile 2024
Lettura 1 min

“Il Superbonus di Conte e del M5S ha creato una voragine nei conti pubblici, ma il governo Meloni sta mettendo in ginocchio il Terzo settore che in Italia svolge servizi essenziali in ambito sociale, sanitario e assistenziale”. Lo dicono Maria Chiara Gadda, vice-presidente del gruppo di Italia Viva alla Camera, e Silvia Fregolent, senatrice di Iv.
“Speriamo che governo e Parlamento approvino l’emendamento di Italia Viva al decreto sul bonus che abbiamo presentato al Senato Altrimenti molti enti che hanno già chiuso contratti per la riqualificazione degli immobili si troveranno in guai seri. Il ministro Giorgetti risolva questo caos che lui stesso ha creato. Il testo passato in Cdm mette in ginocchio chi si impegna per la comunità, e si troverà a dover pagare penali e costi insostenibili. In politica non servono solo ragionieri, ma anche il buonsenso di distinguere tra chi ha speculato e chi svolge attività di interesse generale. Per ONLUS, ODV e APS, infatti, il venir meno di meccanismi alternativi alla detrazione comporta la sostanziale impossibilità di beneficiare del Superbonus. Questo perché tali enti non sono generalmente in grado di ammortizzare i costi sostenuti attraverso la detrazione diretta, data l’assenza di scopo di lucro delle attività. L’emendamento proposto, quindi, in considerazione delle attività di interesse generale, ha l’obiettivo di confermare l’accesso di ONLUS, ODV e APS a sconto in fattura e cessione del credito, come previsto per le zone sismiche”, concludono.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Incredibile ma vero. Voto su autonomia in Commissione Affari costituzionali. Leghisti assenti (fuori dalla porta?). Maggioranza va sotto

Prossimo Servizio

La Lega affossa la Lega. La corazzata Melonkin buca l’autonomia

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva
TornaSu