La donna è mobile, pensiero duro a morire..

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – La donna è mobile è sicuramente una delle arie liriche più famose al mondo.

E’ tratta dall’opera lirica di Giuseppe Verdi “Rigoletto” scritta nel 1851, .

La Donna è Mobile è l’aria che il Duca di Mantova intona nel terzo e ultimo atto. E’ uno dei brani operistici più popolari proprio perché è molto orecchiabile.

Il testo sottolinea tutta l’arroganza e il disprezzo che il Duca di Mantova ha nei confronti delle donne mentre si prepara all’incontro con una donna di strada “Maddalena”, sorella del sicario Sparafucile assoldato da Rigoletto, il buffone di corte, per uccidere il Duca.

Per fatalità e poiché l’opera vuol spesso la tragedia, a morire sarà la figlia di Rigoletto, Gilda, che travestita da uomo viene uccisa per errore.

Il Rigoletto ebbe la sua prima al teatro La Fenice di Venezia l’11 marzo del 1851

Rigoletto, insieme a il Trovatore e La Traviata formano la trilogia popolare di Giuseppe Verdi.

Video: https://www.youtube.com/watch?v=OmX3FoXnl1Y

TESTO

La donna è mobile, qual piuma al vento,

muta d’ accento e di pensier.

Sempre un’ amabile leggiadro viso,

in pianto o in riso, è menzognero.

La donna è mobile, qual piuma al vento

Muta d’ac-cento, e di pensier

e di pensier, e_ __________

e di, peensier

È sempre misero, chi a lei s’ affida,

chi le confida mal cauto il coore!

Pur mai non sentensi felice appieno

chi su quel seno non liba amore!

La donna è mobile, qual piuma al vento

Muta d’ac-cento, e di pensier

e di pensier,

e di, pensier!

Servizio Precedente

Dimenticate il pasticcio Regioni-Roma. Sanità svizzera, il modello federale della sana concorrenza

Prossimo Servizio

VIDEO - Il viceministro Sileri confessa: "Ultimo piano pandemico risale a ministro Fazio. Non so cosa abbiano fatto in tutti questi anni"

Ultime notizie su Storia e Territorio