Pnrr, privatizzazioni, Def, bonus edilizi – L’Ufficio parlamentare di bilancio: Carenza di informazioni su aspetti fondamentali per la finanza pubblica

24 Aprile 2024
Lettura 1 min

“Per raggiungere entro la fine del decennio la situazione pre-pandemia del 2019, quando il debito era pari al 134,2 per cento del prodotto, dovrebbero realizzare riduzioni del rapporto nel triennio 2028-2030 pari, in media, a circa 1,8 punti percentuali all’anno”. Lo rileva il presidente dell’Ufficio parlamentare di Bilancio Lilia Cavallari in audizione sul Def.

Il quadro di finanza pubblica “presenta diversi elementi di incertezza, legati al quadro macroeconomico e all’attuazione del Pnrr entro il termine del 2026. Il profilo previsto del piano di privatizzazioni rimane ambizioso ma è stato, più realisticamente, riprogrammato nel tempo”. Lo rileva sempre il presidente dell’Ufficio parlamentare di Bilancio Lilia Cavallari in audizione sul Def, spiegando che l’Upb ha rilevato nel Def una carenza di informazioni in tre ambiti di rilevante importanza per la finanza pubblica e il quadro macroeconomico: le politiche invariate, i bonus edilizi e il Pnrr. 

E se fa fatica l’Upr a raccogliere informazioni…

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Bankitalia allarmata. Superbonus pesa come l’8% di Pil. In futuro solo tetti di spesa

Prossimo Servizio

Incredibile ma vero. Voto su autonomia in Commissione Affari costituzionali. Leghisti assenti (fuori dalla porta?). Maggioranza va sotto

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva
TornaSu