Soldi, soldi, soldi, ma alla fine c’è lo zampino del diavolo

Lettura 1 min

di Marcus Dardi – Soldi, Soldi, Soldi è la canzone più famosa contenuta nella commedia musicale di Garinei e Giovannini del 1962 dal titolo un Mandarino per Teo.

La canzone è stata scritta da Gorni Kramer, il suo motivo è così allegro ed il testo così attuale che la si riascolta volentieri ancora oggi.

La canzone fu cantata e portata al successo sempre nel 1962 da Betty Curtis (nome d’arte di Roberta Corti).

Questa commedia musicale è stato un film e anche un riadattamento televisivo.

La trama della commedia è di carattere comico. Narra la vicenda di Teo, una comparsa cinematografica, a cui viene fatta una proposta molto allettante. Se Teo schiaccia un campanello, in Cina muore un Mandarino e lui eredita un sacco di soldi. Teo schiaccia il campanello, e riceve i primi soldi d’acconto. Presto Teo si accorge che è stato il diavolo ad offrirglieli e lui pentito, ma dopo aver speso molti dei soldi dell’acconto, corre ai ripari restituendo tutti i soldi al demonio. Gli amici lo aiutano a recuperare la somma.

Soldi, soldi soldi viene cantata nel momento di euforia per la notizia dell’eredità.

Video – Soldi, soldi, soldi

Photo by Tech Nick 

Servizio Precedente

Una delle estati più calde degli ultimi 210 anni

Prossimo Servizio

Lunedì nuova allerta maltempo al Nord

Ultime notizie su Storia e Territorio