Roma e fusioni. Il suicidio politico di Capitan mohito

Lettura 2 min

di Roberto Gremmo – Il nostro glorioso Capitan mohito fa di tutto per perdere e si rivela il miglior alleato occulto del grigio e scialbo segretario dei ds (ora pd).
Guardate come si muove a Roma, dove impone con ruolo apicale una magistrata, persona degnissima ma rigida ed impettita, proprio l’ideale per far venire l’orticaria ai poveracci delle periferie.


Per la verità la colpa di questa scelta suicida il leader maxi la condivide con Sora Giorgia che sarebbe stata la candidata sindaco ideale ma ha rinunciato scioccamente, rincorrendo la chimera di ruoli governativi, che non verranno mai.
Anche perché a remare contro nel centro-destra il glorioso Capitano ce la mette proprio tutta.
Propone una fusione di vertice coi rimasugli berlusconiani e sembra non sapere che simili operazioni in passato sono quasi sempre fallite.


Fece un tonfo nel 1948 il cosiddetto Fronte Democratico Popolare; falli clamorosamente la fusione fra socialisti e socialdemocratici e anche l’assembramento ex popolari ed ex comunisti non ha mai funzionato, malgrado tutti i sostegni dei potenti del sistema. Sarà contento Berlusconi che, a quel che si dice, avrebbe patteggiato con Salvini un consistente numero di seggi parlamentari per i suoi fedelissimi.

Ma proprio questa prospettiva poltronara rischia di aprire una crepa non da poco nella Lega attuale dove molti dirigenti dovranno farsi da parte per lasciare il posto ai pupilli del cavaliere. Dove si troveranno i generosi leghisti pronti a sacrificarsi per onorare i patti federativi?
In Lombardia l’attento Giorgetti già presidia il territorio, facendosi garante delle prerogative varesine e meneghine; i nuovi vioianti leghisti meridionali sono intoccabili per diritto divino. E allora ?
I donatori di sangue saranno al solito i senza spina dorsale piemontesi, i piccoli liguri, i marginali friulani e trentini.
Adesso capisci perché ieri su Repubblica l’avvocato Molinari criticava, una volta tanto, le scelte di Salvini.

Servizio Precedente

Task force Ema, Cavalieri: Vietare Astrazeneca a tutti

Prossimo Servizio

Vox, gli amici della Salvini Premier, e Popolari in piazza a Madrid contro indulto a indipendentisti

Ultime notizie su Opinioni