Carta di Chivasso, diretta aperta su Zoom con la rete civica e federalista Autonomie e Ambiente

11 Marzo 2023
Lettura 1 min

di Milian Giaco Racca – La rete civica e federalista Autonomie e Ambiente ha promosso un seminario online sulla Carta di Chivasso. Questo importante documento, sottoscritto nel 1943 da esponenti della resistenza subalpina, del Piemonte e della Valle d’Aosta, postulava per l’Italia e per l’Europa la trasformazione in un sistema politico federale e repubblicano su base regionale e cantonale, guardando esplicitamente al modello elvetico. Un modello che avrebbe dovuto garantire l’avvento di una pace stabile e duratura. La Carta compie quest’anno 80 anni e con questo seminario (a cui seguiranno altri eventi in presenza) si cercherà di rimarcarne l’attualità (‘parole vive’) di quel testo pionieristico, mettendone in risalto gli ideali di autogoverno dei territori, sussidiarietà verticale e orizzontale, delle autonomie personali, sociali e territoriali, di partecipazione democratica, di giustizia e libertà che esso trasmette.

Intellettuali, politici e simpatizzanti della rete Autonomie e Ambiente – che tra l’altro hanno ideato il Forum 2043, uno spazio di dibattito e spunti su politica e cultura territorialista – assieme ad ospiti esterni si confronteranno su soluzioni e prospettive per il futuro dei nostri territori.

Il seminario inizierà sabato alle 16, con una diretta libera a tutti su zoom.

Piattaforma: https://zoom.us/j/97267541503?pwd=KytzRmNzcngzeDIxUnpVNW1mdnE5Zz09

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Il Pos è costato 5 miliardi di commissioni. Siamo fuori dal mondo…

Prossimo Servizio

Pnrr, il Sud non riesce a organizzarsi per spendere i fondi. E’ una novità?

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu

Don't Miss