Femminicidi, il 5% in più rispetto allo scorso anno

11 Dicembre 2023
Lettura 1 min

 Sono 109 le donne uccise fino al 3 dicembre, 90 in ambito familiare/affettivo, 58 da partner/ex. Nei primi nove mesi del 2023 le vittime donne degli omicidi commessi in Italia – 89 su un totale di 254 fino a settembre – sono aumentate del 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto emerge dal report “Il Punto – Il pregiudizio e la violenza contro le donne” elaborato dal Servizio Analisi Criminale presentato a Roma. Nel periodo analizzato dallo studio, la percentuale di donne vittime di omicidio volontario commesso dal partner o ex nell’ambito familiare/affettivo è del 65%.

Dato in crescita rispetto ai primi nove mesi del 2022 quando raggiungevano il 59%. Da gennaio a settembre 2023 sono poi aumentati del 33% gli ammonimenti dei questori per violenza domestica, del 17% quelli per stalking. Un decremento del 17% si registra, invece, per i provvedimenti di allontanamento d’urgenza dalla casa familiare. L’analisi riporta, quindi, anche i dati relativi ai reati spia. Diminuiscono lo stalking (-13%), i maltrattamenti contro familiari e conviventi (-12%) e le violenze sessuali (-12%). Nove vittime su dieci di quest’ultimo reato nel biennio 2021 – 23 sono donne. Dato che rimane costante anche nei primi nove mesi dell’anno in corso. Secondo i dati dello stesso periodo, il 29% sono minorenni.

Se i reati spia però diminuiscono, non si può dire lo stesso dell’incidenza delle vittime femminili. Il numero rimane costante. La maggior parte delle vittime di questi reati, il 34% nei primi nove mesi del 2022 e il 33% nello stesso periodo del 2023, ha tra i 31 e 44 anni. La percentuale di vittime minorenni è del 9% in entrambi gli anni. Mentre per quanto riguarda le donne uccise da partner o ex nei primi mesi del 2023, l’incidenza maggiore, del 28%, si registra nella fascia over 65.

Il report analizza anche il modus operandi negli omicidi volontari di donne. Le armi improprie e/o armi bianche sono state le più utilizzate per i casi avvenuti in ambito familiare/affettivo: in 28 casi fino a settembre 2023. In 24 episodi sono state usate armi da fuoco. Seguono poi le lesioni/percosse in 12 degli omicidi commessi nello stesso periodo e l’asfissia/soffocamento/strangolamento in 10 casi.

Per quanto riguarda i reati introdotti dal codice rosso, fino a settembre 2023, rispetto allo stesso periodo del 2022, diminuiscono le violazioni dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa (-4%) e le lesioni con deformazioni o sfregio permanente al viso (-14%). Aumentano, invece, il revenge porn (+1%) e la costrizione o induzione al matrimonio (+45%). Si passa dagli 11 casi del 2022 ai 16 di quest’anno.

credit foto mika-baumeister-MvNahx-yrqY-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Milano-Cortina 2026, Zaia: A breve sapremo se avremo il bob, ma il Governo dovrà giocarsi la partita

Prossimo Servizio

Codice strada, Gadda (IV): Migliorare mobilità dei più fragili, da noi emendamenti costruttivi per sicurezza comune

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu