SUPERBONUS: PER CONFAPI TESTO MIGLIORATO MA PREOCCUPANO I CONTINUI MUTAMENTI NORMATIVI

16 Maggio 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – I costruttori di Aniem, associata a Confapi, apprezzano i cambiamenti alle norme sul Superbonus ma non mancano di evidenziare il permanere di alcune criticità.
“Gli ultimi interventi sul Superbonus hanno certamente migliorato il testo e attenuato alcune criticità riducendone l’impatto retroattivo e accogliendo alcune nostre proposte soprattutto sulle aree interessate alla ricostruzione post sisma. Apprezziamo, in particolare, che sia stata accolta la richiesta avanzata da Confapi Aniem di precisare che il limite del finanziamento di 400 milioni su tali aree, che consente di utilizzare ancora lo sconto in fattura e la cessione del credito del superbonus nelle aree del sisma, varrà solo per le pratiche ‘nuove’, successive alla entrata in vigore del Dl superbonus. Ci auguriamo, tuttavia, che l’introduzione dello ‘spalma crediti’ a 10 anni non vada assolutamente ad applicarsi alle pratiche relative alle agevolazioni fiscali nelle aree del sisma”. Lo dichiara il Presidente di Confapi Aniem, Giorgio Delpiano.


“Sul testo di conversione del decreto – aggiunge – permangono purtroppo alcune criticità: la retroattività dello ‘spalma crediti’ resta, seppur limitata alle spese sostenute nell’esercizio 2024, così come lo stop alla cessione delle rate residue dei crediti mette in seria difficoltà il sistema. Ci auguriamo – continua Delpiano – di mettere la parola fine a questa continua decretazione emergenziale. Non è possibile trovarsi ogni settimana a dover apprendere di interventi normativi che modificano la gestione, le aspettative, i piani economici di decine di migliaia di aziende con ripercussioni gravissime sulla loro tenuta, sul sistema occupazionale e sulla società civile”.


“Anche alla luce della recente direttiva europea sulle case green – conclude il Presidente di Confapi Aniem – è assolutamente necessario definire interventi strutturali e stabili nel tempo che consentano di accompagnare il processo di riqualificazione energetica immobiliare con strumenti fiscali sostenibili ed efficaci”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Maltempo, non è finita. Zaia: Non uscite di casa

Prossimo Servizio

Piemonte – Tegola sul governatore Cirio. Corte costituzionale boccia il piano di rientro dei costi sanitari

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu