A giugno lo Stato ha incassato 64 miliardi di tasse. Ma non basta. Italia paese in cui è anche più difficile pagarle

1 Luglio 2023
Lettura 1 min

A giugno il fisco ha cominciato seriamente a presentare il “conto” agli italiani: l’Ufficio studi della Cgia di Mestre (Venezia) ha stimato in 63,9 miliardi di euro l’ammontare complessivo delle tasse che, entro ieri, sono state versate nelle casse dello Stato. La Cgia precisa che giugno, assieme a novembre, è da sempre il mese dove si concentra il maggior numero di scadenze fiscali. Gli imprenditori, in particolar modo quelli di piccola dimensione, subiscono 80 scadenze tributarie e contributive ogni anno. Nello scorso mese l’impegno economico più gravoso ha riguardato il pagamento delle ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori, che ammontano a 13,9 miliardi. Per i contributi con scadenza mensile (imprese e autonomi), il versamento dell’Iva relativa a maggio ha toccato i 13 miliardi. Altrettanto oneroso il versamento del saldo 2022 e dell’acconto 2023 relativo all’Ires, pari a 12,7 miliardi. Il pagamento della prima rata dell’Imu-Tasi sulle seconde-terze casse, sui capannoni, gli uffici ei negozi è costato 9,8 miliardi. Il saldo 2022 e l’acconto 2023 dell’Irap valgono 4,9 miliardi. L’Irpef in capo a tutti i lavoratori indipendenti e agli altri percettori di reddito è costata 3,7 miliardi, mentre la Tari ha fatto incassare 2,6 miliardi. 

Nell’Ue solo la Francia e il Belgio – ricorda la Cgia- hanno registrato un peso fiscale superiore al nostro: se a Parigi la pressione fiscale nel 2022 era al 47,7% del Pil, a Bruxelles si è attestata al 45,1%; in Italia invece ha toccato la soglia del 43,5%. Tra i 27 dell’Unione, la Germania è al nono posto con una pressione fiscale del 41,9%, la Spagna al 12/o posto con il 38,5%. 

La media dei Paesi dell’Eurozona è stata del 41,9%. Oltre ad avere un carico fiscale tra i più elevati d’Europa, l’Italia, assieme al Portogallo, è il paese dove pagare le tasse è più difficile, in particolar modo per le imprese. Secondo le ultime statistiche elaborate dalla Banca Mondiale (Doing Business 2020), i nostri imprenditori “perdono” 30 giorni all’anno, pari a 238 ore, per raccogliere tutte le informazioni necessarie per calcolare le imposte dovute, per completare tutte le dichiarazioni dei redditi e per presentarle, per effettuare il pagamento on line o presso le autorità preposte. In Francia sono necessari 17 giorni (139 ore), in Spagna 18 (143 ore) e in Germania 27 (218 ore), mentre la media dell’area dell’Euro è di 18 giorni (147 ore). I dati si rivelano a una media impresa (società a responsabilità limitata), al secondo anno di vita e con circa 60 addetti.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

COMUNISTI PADANI RISPOLVERATI? NO, GRAZIE. Abbiamo ancora bisogno di partiti del Nord per una nuova stagione autonomista

Prossimo Servizio

ALLARME PER IL TROPPO SPRECO DI ACQUA POTABILE. SOPRATTUTTO AL SUD

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di

E Ciocca rilancia Miss Padania. Dopo 12 anni

Dopo 12 anni di stop, torna Miss Padania by Ciocca, il concorso che valorizza la bellezza dei valori e le tradizioni del Nord Italia. L’evento, fortemente voluto dall’europarlamentare della Lega Angelo Ciocca,
TornaSu

Don't Miss