Spazzacamino, la nostra canzone popolare fatta da arti e mestieri

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – Nella canzone popolare lombarda, c’è un filone molto particolare, interessante e ricco di storia dedicato alle arti e ai mestieri.

Questo filone musicale del nostro patrimonio musicale Folk, si è sviluppato prevalentemente al Nord Italia, poiché già dal 1800, sul territorio si erano già sviluppate moltissime fabbriche tessili, meccaniche, fonderie, ecc…, e la canzone popolare lo descriveva pienamente in molte delle sue sfaccettature.

Subito dopo la prima rivoluzione idustriale, che naque in Inghilterra a fine ‘700 ed iniziò a svilupparsi da noi agli inizi del 1800, il Nord Italia era considerata la “fabbrica” dell’impero austro-ungarico che aveva Milano come vice-capitale.

Come Nadine & Marcus, gruppo musicale che abbraccia un ampissimo repertorio che va dal folk al lirico, abbiamo interpretato diverse canzoni di questo filone.

Ora ve ne racconto una ….o meglio, due…con lo stesso titolo.

Lo Spazzacamino. Questa canzone popolare di fine ‘800, dedicata alla figura di un ometto sempre sporco di fuliggine e carbone, descrive, in modo comico, uno dei mestieri più importanti ed utili di quei tempi: lo spazzacamino.

A quei tempi il camino serviva a scaldare la casa, a fare da mangiare e anche come discarica per i rifiuti. Non essendoci ancora la plastica, tutta l’immondizia si poteva tranquillamente bruciare. Tenere puliti i camini era dunque fondamentale per il vivere quotidiano in sicurezza, ecco perché questa figura era così importante.

Il testo della canzone popolare è ricco di doppi sensi di natura sessuale che rendono questa canzone comica e divertente. Questa formula ha fatto sì che ancor oggi questa canzone resta tra le più famose del repertorio popolare.

Il secondo spazzacamin di cui vi voglio parlare è la figura di Bert, che appare nel film del 1967 della Disney “Mary Poppins.”

Una strofa della canzone ne descrive in pieno lo spirito senza dover aggiungere altro, la strofa dice: “ Tu penserai che lo spazzacamin, si trovi nel mendo al più basso gradin. Io sto tra la cenere eppure non c’è nessuno qua giù più felice di me”

Video: folk – https://www.youtube.com/watch?v=_RLmpluhwTM

Disney: https://www.youtube.com/watch?v=vhXwbpZGi9k

Photo by Annie Spratt

Servizio Precedente

Quando il padano Bonomi, presidente di Confindustria, parlava di Questione Settentrionale. Lo farà ancora?

Prossimo Servizio

La Germania federale, beati loro...

Ultime notizie su Storia e Territorio