Quando ci vuole una bruschetta

Lettura 1 min

di Marcus Dardi – La bruschetta è un piatto che nato in ambiente tipicamente contadino, si è poi diffuso in tutta Italia.

Nacque dal desiderio e dalla necessità dei contadini di conservare il pane.

Oggi viene servito principalmente come antipasto.

Il suo significato deriva da un termine romanesco usato per dire “abbrustolito”. Infatti in dialetto romano e abruzzese si usa consumare il pane bruscato, cioè abbrustolito.

E’ preparato con una fetta di pane abbrustolito condita con olio, sale e strofinato con aglio crudo.

Si serve prevalentemente con gli aperitivi e con gli antipasti, ma nessuno ci vieta di prepararlo anche per una frugale merenda.

Questo cibo, rustico per eccellenza, lo si trova in tutt’Italia con diversi nomi e diversi usi.

In Calabria lo chiamano “fedda ruscia”, in Campania era il pane per i lavoratori nei campi, In Piemonte è chiamato “soma d’aj”, in Puglia “fedda rossa”, in Toscana “fettunta” e “panunta”, e altre ancora.

L’importante è usare un olio buono, perché “l’olio buono viene sempre a galla”.

Video – La Società de li magnaccioni

Photo by Victoria Shes 

Servizio Precedente

Archeoastronomia. L’Europa dai Primordi al Rinascimento

Prossimo Servizio

Perché Draghi ha citato nel suo discorso la Danimarca

Ultime notizie su Storia e Territorio