Archeoastronomia. L’Europa dai Primordi al Rinascimento

Lettura 1 min

ARCHEOASTRONOMIA. L’EUROPA DAI PRIMORDI AL RINASCIMENTO, di Stefano Spagocci. Nel testo sono passate in rassegna le conoscenze astronomiche degli antichi europei, dal Paleolitico al Rinascimento, secondo l’ottica propria dell’archeoastronomia, cercando cioè di capire come le varie culture abbiano compreso i fenomeni celesti, come se ne siano serviti, quale ruolo l’astronomia abbia giocato in tali culture. L’autore si è intenzionalmente posto in un’ottica estremamente sintetica e divulgativa, onde non scoraggiare il lettore non specialista che potrà poi approfondire le tematiche che eventualmente più lo interesseranno.

Il testo privilegia un’ottica europea, alla ricerca di ciò che da europei ci unisce più che di ciò che ci divide; per quanto riguarda l’area geografica italiana, comunque, si segnala la trattazione delle conoscenze astronomiche nel megalitismo mediterraneo e alpino, in Gallia Cisalpina, in Etruria, in Magna Grecia e tra i Longobardi.

Sono trattate anche le conoscenze astronomiche di Dante Alighieri, nel contesto del Medioevo occidentale e in un’ottica finora mai considerata in un testo di lingua italiana, e di Leonardo da Vinci, nel contesto del Rinascimento europeo. L’ampia bibliografia fornita, come invito all’approfondimento da parte del lettore, crediamo possa essere utile allo stesso esperto, poiché include tanto opere divulgative quanto lavori professionali.

S. Spagocci, Archeoastronomia. L’Europa dai Primordi al Rinascimento, Press & Archeos, Firenze, 2020, 16 Euro.

Per informazioni: stefanspag@gmail.com

Servizio Precedente

Che strano. A processo mafiosi col reddito di cittadinanza

Prossimo Servizio

Quando ci vuole una bruschetta

Ultime notizie su Cultura