Lombardia, reati preoccupanti contro gli animali. Solo nel 2023 ben 1300 procedimenti con 750 indagati. Ma non tutte le Procure rispondono al rapporto Lav

23 Gennaio 2024
Lettura 3 min

Si è tenuta stamattina a Milano la conferenza di presentazione dei dati del Rapporto Zoomafia 2023 relativi alla Lombardia, organizzata dalla Lav di Milano con il patrocinio della Fondazione Antonino Caponnetto. All’evento hanno partecipato il criminologo Ciro Troiano, responsabile dell’Osservatorio Nazionale Zoomafia Lav, autore del Rapporto, e la responsabile della Sede Lav di Milano Gioia Riegler. Il Rapporto Zoomafia 2023, è un’analisi criminologica che analizza lo sfruttamento criminale di animali avvenuto nel 2022.

“Negli ultimi anni in Lombardia sono stati registrati reati contro gli animali davvero preoccupanti come i combattimenti tra animali. Non vanno sottovalutati neanche il traffico di cuccioli o il bracconaggio organizzato che vede nella regione il “blackspot” delle Prealpi lombardo-venete, zona dove il fenomeno è particolarmente allarmante. Corollario di questi crimini di caccia sono il traffico di fauna selvatica catturata illegalmente e inanellata con falsi sigilli e la vendita clandestina di fauna morta destinata alla vendita a scopo alimentare” sottolinea Ciro Troiano. L’Osservatorio Nazionale Zoomafia Lav ha chiesto alle Procure Ordinarie e a quelle presso i Tribunali per i Minorenni i dati relativi al numero totale dei procedimenti penali sopravvenuti nel 2022, sia noti che a carico di ignoti, e al numero di indagati per reati a danno di animali.

Per la Lombardia le risposte sono arrivate da 10 Procure Ordinarie su 13 (non hanno risposto le Procure di Cremona, Monza e Sondrio) e dalle Procure minorili di Milano e Brescia. A Bergamo, in totale nel 2022 sono stati registrati 224 procedimenti con 95 indagati. Rispetto al 2021, i procedimenti sono diminuiti del -6,28% passando da 239 a 224, mentre il numero degli indagati è aumentato del 17,28%, passando da 81 a 95. A Brescia nel 2022 sono stati registrati 439 procedimenti con 304 indagati. Rispetto al 2021, i procedimenti sono diminuiti del -18,40%, passando da 538 a 439, mentre il numero degli indagati è diminuito del -16,25%, passando da 363 a 304. La Procura di Brescia mantiene il suo primato e si conferma quella con più procedimenti iscritti per reati contro gli animali a livello nazionale. Come sempre la maggioranza dei procedimenti riguarda i reati venatori o contro la fauna selvatica: 217 pari al 49,43% del totale, con 217 indagati pari al 71,38% del totale degli indagati. È noto che la provincia di Brescia rappresenta l’hotspot del bracconaggio più importante d’Italia quindi il numero dei procedimenti per tali reati influisce notevolmente sulla media totale dei reati contro gli animali registrati. A Busto Arsizio in totale nel 2022 sono stati registrati 37 procedimenti con 27 indagati. Rispetto al 2021, i procedimenti sono diminuiti del -37,29%, passando da 59 a 37, e gli indagati del -41,30%, passando da 46 a 27. Como: in totale nel 2022 sono stati registrati 86 procedimenti con 34 indagati.

Rispetto al 2021, i procedimenti sono diminuiti del -54,01%, passando da 187 a 86, mentre il numero degli indagati del -8,11%, passando da 37 a 34. A Cremona non sono pervenuti i dati dalla locale Procura; tuttavia, abbiamo i dati forniti dal Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri secondo i quali nel 2022 nella provincia i Carabinieri forestali, nello specifico settore della Tutela della Fauna, hanno inoltrato 14 comunicazioni di notizia di reato alla Procura con 10 persone denunciate. A Lecco, in totale nel 2022 sono stati registrati 38 procedimenti con 17 indagati. Rispetto al 2021, i procedimenti sono diminuiti di una unità (da 39 a 38), mentre il numero degli indagati è diminuito del -15%, passando da 20 a 17. Lodi: in totale nel 2022 sono stati registrati 45 procedimenti con 26 indagati. Rispetto al 2021, i procedimenti sono diminuiti del -4,25%, passando da 47 a 45, e gli indagati del -7,14%, passando da 28 a 26. A Mantova nel 2022 sono stati registrati 125 procedimenti con 58 indagati. Rispetto al 2021, i procedimenti sono aumentati del 19,05%, passando da 105 a 125, mentre il numero degli indagati è aumentato del 123,07%, passando da 26 a 58. A Milano in totale nel 2022 sono stati registrati 146 procedimenti con 72 indagati. Mancano i dati nel 2021 per un raffronto.

A Monza non sono pervenuti i dati dalla locale Procura; tuttavia, abbiamo i dati forniti dal Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri secondo i quali nel 2022 nella provincia di Monza e Brianza i Carabinieri forestali, nello specifico settore della Tutela della Fauna, hanno inoltrato 1 comunicazione di notizia di reato alla Procura con 1 persona denunciata. Dato molto parziale se si considera che nel 2021 furono registrati 41 procedimenti e 23 indagati. A Pavia, in totale nel 2022 sono stati registrati 66 procedimenti con 57 indagati. Mancano i dati del 2021 per un raffronto. A Sondrio non sono pervenuti i dati dalla locale Procura; tuttavia, abbiamo i dati forniti dal Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri secondo i quali nel 2022 nella provincia i Carabinieri forestali, nello specifico settore della Tutela della Fauna, hanno inoltrato 8 comunicazioni di notizia di reato alla Procura con 1 persona denunciata. A Varese, in totale nel 2022 sono stati registrati 39 procedimenti con 23 indagati. Rispetto al 2021, i procedimenti sono aumentati del 62,5%, passando da 24 a 39, mentre il numero degli indagati è invariato: 23. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Crisi Mar Rosso, Gadda (Iv): Evidente che serve – ma già da ieri – un tavolo, una cabina di regia contro i danni all’export agroalimentare

Prossimo Servizio

Autonomia, l’Aula del Senato approva. Fontana candida la Lombardia ad applicarla. E vissero tutti felici e contenti?

Ultime notizie su Lo Zoo

Oipa, convegno a Roma sul “patentino cane speciale”

Occorre introdurre una normativa che preveda il rilascio di un “patentino cane speciale”, dopo il superamento di un corso, come già avviene, per esempio, nel Comune di Milano (v. Regolamento). Questo il tema del convegno dal titolo “Le
TornaSu