Nazionale olimpica ucraina di nuoto sincronizzato in fuga da Leopoli verso Ostia

Lettura 1 min

E’ da poco cominciato l’esodo della nazionale ucraina di nuoto sincronizzato, medagliata olimpica e mondiale, verso il centro federale di Ostia con partenza da Leopoli, transito dal confine di Beregsurany passando per Mukachevo, arrivo a Budapest e ripartenza verso Roma con mezzi messi a disposizione della Federazione italiana nuoto (Fin). Le operazioni, informa la Fin, sono dirette dal presidente, Paolo Barelli, presidente del gruppo di Fi alla Camera, che il 27 febbraio ha incontrato l’ambasciatore d’Ucraina a Roma, Yaroslav Melnyk, al quale ha ribadito la disponibilita’ ad ospitare nei centri federali gli atleti ucraini delle discipline acquatiche.

“Dopo i colloqui internazionali abbiamo ricevuto la richiesta di aiuto dalla federazione ucraina di nuoto sincronizzato; nei giorni scorsi ci siamo adoperati per individuare insieme il percorso meno pericoloso e i mezzi piu’ idonei per favorire la fuga dal Paese – sottolinea Barelli -. La situazione e’ in piena evoluzione, pertanto e’ difficile prevedere con precisione quante atlete riusciranno a raggiungere il confine e quando stimare l’arrivo a Roma. Speriamo che il viaggio delle atlete prosegua senza imprevisti e che nel pomeriggio di lunedi’ la squadra possa arrivare al centro federale di Ostia”.

La fuga della nazionale e’ iniziata poche ore fa con un gruppo costituito da otto atlete e due tecnici partito da Leopoli; altre due atlete stanno cercando di raggiungere il confine passando da Chernivtsi. Di un terzo gruppo, composto da atlete e tecnici partiti da Charkiv, si sono perse le tracce e si sta cercando di ripristinare i contatti.

Intanto i mezzi della Federnuoto stanno raggiungendo Beregsurany per completare la staffetta verso il centro federale di Ostia via Budapest. “C’e’ crescente preoccupazione. Le atlete che attendiamo al confine sono divise in tre gruppi perche’ non tutte sono riuscite a raggiungere Leopoli che era il punto di raccolta individuato dalla federazione ucraina – continua Barelli -. Speriamo che tutte arrivino al confine. Comunque siamo pronti ad organizzare anche piu’ viaggi se necessario per assicurarne il trasporto in Italia. Lo sport dev’essere vicino al dramma che stanno vivendo gli amici ucraini, condannare con drastiche decisioni e stigmatizzare con un atteggiamento di fermo diniego l’operato della Russia; deve essere deterrente e sprone per giungere rapidamente alla pace. La nostra disponibilita’ e’ poca cosa in confronto ai sacrifici e alle difficolta’ che il popolo ucraino stanno affrontando. Molti atleti stanno combattendo per la liberta’. Noi speriamo di vederli presto in vasca. Intanto – ha concluso Barelli – offriamo loro ospitalita’ e mezzi per lasciarsi alle spalle la guerra e cogliamo l’occasione di allenarci insieme per crescere reciprocamente”.

Servizio Precedente

Prima pagina choc del NYT. Madre con i figli freddata mentre stava lasciando Kiev. Mcron parla con Putin e Zelensky per integrità centrali nucleari

Prossimo Servizio

Si dimette il direttore del Teatro Bolshoi

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA