Balle e retorica sul lavoro. L’ipocrisia di Stato, sindacati e imprese

2 Maggio 2024
Lettura 1 min

di Stefania Piazzo – Il costo del lavoro viene messo sul banco degli imputati da chi afferma, nelle imprese, che l’alta tassazione non consente di avere più margini di manovra per alzare i salari. Lo Stato a sua volta tassa fino a oltre la metà dei nostri guadagni per mantenere servizi, burocrazia, apparato.

Il mercato a sua volta costringe, vedi la grande distribuzione come paradigma, ad aumentare costantemente i margini di guadagno, la produttività, mantenendo lo stesso numero di personale. I sindacati stanno nel mezzo consapevoli che non si va da nessuna parte e sanno perfettamente che:

  • uno: una classe politica che è inetta e amministra il Sud come viene viene, non ha saputo capitalizzare fondi, risorse, contributi, territori, per azzerare il divario culturale, sociale, economico col resto del Paese e d’Europa
  • due: il Nord accusa il colpo della povertà e di un costo della vita discriminatorio rispetto ad altre aree del Paese. Ma dirlo e riconoscerlo e soprattutto risolverlo, farebbe gridare allo scandalo e alla discriminazione. Che, di fatto, c’è già al contrario
  • tre: o mangi la minestra o salti la finestra

I grandi colossi del pet, o del no food… Mai chiesto come lavorano i dipendenti?

I governi vanno a colpettini di bonus, di aggiustamenti alle tasse in ordine sparso.

Riporta Openpolis che undicesima è “la posizione dell’Italia in Ue (tra i paesi membri dell’Ocse), in termini salariali. Questo dato è rimasto costante tra 2019 e 2022. Nel nostro paese si guadagnano mediamente 44.893 dollari lordi l’anno, meno che nei paesi dell’Europa nord-occidentale ma più che in quelli orientali e che in alcuni stati meridionali (Spagna, Portogallo e Grecia)”.

E meno 3,4% è “il calo dei salari in Italia tra 2019 e 2022. Il nostro è uno dei paesi che ancora non sono tornati alla situazione pre-Covid: il quarto con il calo più pronunciato (insieme ai Paesi Bassi), dopo Repubblica Ceca (-7,2%), Grecia (-5,9%) e Spagna (-3,6%). Da 46.460 dollari nel 2019 siamo passati a meno di 45mila. La variazione maggiore si è verificata nel passaggio tra 2021 e 2022, quando il valore si è ridotto del 4,8%”.

Ci frega pure la Lettonia che invece è il Paese che cresce di più, il 6,8% (Lussemburgo +5,3%, Estonia +5,1%, Ungheria +4,9% e Lituania +4,4%).

E noi? Noi abbiamo i concertoni.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Il tacchino del primo maggio

Prossimo Servizio

La lettera – 274 ispettori del lavoro idonei ma senza lavoro…

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu