RIFORMA SCUOLA FRANCESE? SPUNTI PER CASA NOSTRA?

29 Agosto 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Dopo l’eliminazione dei compiti a casa del 2017 sostituita con ore di studio assistito in classe, il presidente francese Macron intende intervenire nuovamente sulla scuola in particolare sull’eccesso di utilizzo dei social e , cosa non scontata in un paese iper centralista come la Francia, sull’autonomia dei presidi.
Scuolainforma.it dà notizia dei provvedimenti che Macron intende proporre; sarebbero spunti da prendere in considerazione anche per la nostra scuola.
I social rappresentano il tema caldo del momento. Solo alcune settimane fa in Cina la Cyberspace Administration of China (Cac) ha introdotto un provvedimento per cercare di limitare l’utilizzo dei cellulari da parte dei minorenni e salvaguardare così le ore di riposo: niente più social dopo le 22. Il motivo? Impedire la dipendenza dai social network e dal telefono cellulare, con l’intento di preservare il loro cervello e il loro sviluppo neurologico.

Ed ancora sui social è l’attenzione che si sta ponendo anche in Francia con riguardo alla riforma scolastica che si vuole mettere in atto. La ricetta di Macron si fonderebbe infatti su una ‘ri-civilizzazione’ della società colpita ormai da un crollo dell’autorità nelle famiglie e a scuola. Fenomeno, questo, secondo il presidente, dovuto alla diffusione dei social e al loro esagerato utilizzo. Emmanuel Macron infatti, intervistato alla rivista Le point, ha dichiarato: “abbiamo bisogno di meno schermi e più scuola“. Il suo intento sarebbe quello di far trascorrere agli alunni più tempo a scuola.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

CHI VUOLE VERAMENTE I GENERALI E I COLONNELLI?

Prossimo Servizio

Peste suina, indagati allevatore e veterinario nel Pavese

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu

Don't Miss