Telelavoro frontalieri, Gadda (IV) “Dal governo e da Giorgetti, non abbiamo ancora parole e fatti chiari nonostante le promesse”

29 Giugno 2023
Lettura 1 min

“Voteremo alla Camera il decreto lavoro. Ho presentato un ennesimo ordine del giorno per avere una parola chiara dalla maggioranza sulla questione telelavoro, che pongo ormai in occasione di ogni provvedimento utile sin da quando il governo ha deciso di lasciare scadere l’accordo di amicizia tra Italia e Confederazione Elvetica”, così la deputata varesina e segretaria di Italia Viva Lombardia, Maria Chiara Gadda.

 “Ora siamo giunti ad un altro termine importante, visto che il 30 giugno scadrà la norma transitoria che permette ai frontalieri di lavorare da casa il 40% del tempo lavorativo. Che vogliono fare il ministro Giorgetti e il governo italiano? Nel frattempo, la Francia si è portata avanti, noi invece non abbiamo ancora parole e fatti chiari nonostante le promesse e gli innumerevoli pareri favorevoli ai miei atti parlamentari sottoscritti e presentati anche dagli altri colleghi del territorio”, conclude. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Bonomi, politica non ha più alibi. Le riforme vanno fatte

Prossimo Servizio

Strage Bologna. Arrestato Paolo Bellini, ritenuto tra gli esecutori dell’attentato

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di
TornaSu

Don't Miss