Svizzera limita trasferte di lavoro, addio a viaggi d’affari nel post Covid

18 Luglio 2021
Lettura 1 min

Addio viaggi d’affari: le grandi aziende svizzere intendono mantenere limitate le trasferte per lavoro anche una volta finita la crisi di coronavirus. È questo l’orientamento espresso dai responsabili di multinazionali quali Nestlé, Novartis, Roche, Ubs, Credit Suisse, Lonza, Schindler, Swiss Life e Zurich, secondo quanto riferisce il periodico SonntagsBlick. “La nostra nuova politica in materia di viaggi prevede una riduzione significativa dei voli d’affari rispetto ai livelli pre-pandemia”, ha indicato una portavoce del colosso farmaceutico Roche. Sulla stessa linea è anche il gruppo assicurativo Zurich. “L’esperienza del 2020 ha dimostrato che i nostri dipendenti possono accompagnare con successo i clienti con servizi completamente digitalizzati anche senza viaggi di lavoro”, ha spiegato un addetto stampa. Il nuovo approccio prevede per esempio le notifiche di sinistro via video, l’uso di firme elettroniche e le valutazioni di rischio effettuate in modo virtuale. Sul tema viaggi d’affari le grandi imprese hanno risparmiato milioni di franchi durante la pandemia: per la sola Ubs le spese di viaggio e di rappresentanza si sono ridotte di 209 milioni di dollari. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Johnson non si isola dopo contatto con ministro positivo. Gb sperimenta alternativa: test quotidiani

Prossimo Servizio

Toti spariglia il centrodestra: Certi politici strizzano occhio ai no vax

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di
TornaSu

Don't Miss