Segretario generale Nato: Cina e Russia minacciano Occidente

Lettura 2 min

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg considera la cooperazione tra Cina e Russia un pericolo per l’Occidente. In una intervista a “la Repubblica” esorta a prepararsi alla nuova era di concorrenza globale tra sistemi e a essere pronti a difendersi in caso di emergenza: “L’ordine fondato sulle regole, la base del multilateralismo, e’ minacciato. Russia e Cina ultimamente intrattengono una collaborazione sempre piu’ intensa, sia a livello politico che militare. Si tratta di una nuova dimensione e di una seria sfida per la Nato. Ne derivano nuovi pericoli. Mosca e Pechino coordinano sempre piu’ spesso le rispettive posizioni nelle decisioni in seno alle organizzazioni multilaterali come l’Onu”. “Inoltre – aggiunge – eseguono esercitazioni militari congiunte, sperimentano assieme voli a lungo raggio con aerei da combattimento e operazioni ee marittime, ma procedono anche a un intenso scambio di esperienze sui sistemi d’arma e il controllo di Internet. La Nato e’ un’alleanza tra Europa e America del Nord ma dobbiamo adeguarci a un contesto di sicurezza globale che si fa sempre piu’ competitivo. Viviamo in un’era di concorrenza globale tra sistemi”.

L’Alleanza e’ pronta alla sfida: “La Nato e’ l’alleanza storicamente piu’ valida. Il suo successo deriva dalla capacita’ di adeguarsi a un mondo che cambia. E’ stato cosi’ nel post guerra fredda, dopo gli attacchi dell’11 settembre e l’annessione illegale della Crimea per mano russa. Da allora sono sorte nuove minacce, alle quali naturalmente reagiremo”. “Tra una settimana, – spiega il segretario – al vertice di Bruxelles ‘Nato 2030′, i capi di Stato e di governo della Nato adotteranno un’agenda che offre una risposta allo spostamento degli equilibri di potere e alle nuove sfide mondiali. Tra queste l’ascesa della Cina a potenza militare consapevole, la crescente aggressivita’ della Russia, ma anche nuove forme brutali di terrorismo internazionale, il moltiplicarsi dei cyber-attacchi, e la sempre piu’ ampia diffusione delle armi nucleari”. “Nessun Paese e nessun continente – conclude Stoltenberg – e’ in grado di affrontare queste sfide da solo. Dobbiamo mantenere la stretta collaborazione con il Nord America e restare uniti come Nato. La nuova agenda ‘Nato 2030′ rendera’ l’unione transatlantica ancor piu’ stretta”. 

Servizio Precedente

Catalogna, loro almeno col referendum ci riprovano

Prossimo Servizio

Lega all'attacco del governo. Garavaglia contro Cts e Speranza: regole Covid una Babele

Ultime notizie su Cronaca