Israele in allarme, acquistati 10 milioni di test prc

Lettura 1 min

Israele ha varato una serie di misure per fronteggiare la nuova variante del Covid in modo da agire – ha detto il premier Naftali Bennett – “in maniera determinata e rapida”. Queste le decisioni adottate: gli Stati dell’Africa centrale e del sud, incluse Mauritius, Seychelles e Madagascar diventano “Paesi rossi”. L’ingresso in Israele da quei Paesi – e’ stato deciso – “e’ vietato” e il Comando delle retrovie “identifichera’ tutti coloro arrivati dai Paesi rossi” che devono porsi “in isolamento immediato a casa dove saranno controllati”.

Inoltre, tutti quelli che sono stati nei Paesi africani e che sono arrivati in Israele da altri scali “devono sottoporsi a test Pcr immediato e restare in isolamento fino al risultato”. E’ stato anche deciso l’acquisto di 10 milioni di test Pcr che sono in grado di identificare la nuova variante. Inoltre sara’ effettuato “un esame delle fognature per identificare la presenza della nuova variante” e saranno comprati filtri dell’aria per le scuole e gli asili nidi. Domani sera e’ prevista un’ulteriore riunione del governo.

Servizio Precedente

Lo spettro della nuova variante Omicron

Prossimo Servizio

E' ormai allerta per variante Omicron in Europa. Il ministero alle Regioni: Rafforzare tracciamento

Ultime notizie su Cronaca