NORD A SECCO: MODELLO ISRAELE? MEGLIO RETE IDRICA EFFICIENTE E INVASI

20 Marzo 2023
Lettura 1 min


di Gigi Cabrino – “Investire in dissalatori e depuratori è uno dei nostri obiettivi. Guardiamo al modello israeliano per ridurre gli sprechi, ad esempio non usare acqua potabile per irrigare i campi“. Sono le parole del ministro Musumeci, condivise solo in parte da Anbi, l’associazione dei consorzi di bonifica che è prontamente intervenuta.
“L’analisi delle situazioni di crisi idrica nel Paese dimostra come i tanto citati dissalatori possano essere una soluzione per emergenze localizzate, non certo risolutivi per un fattore esteso quale la siccità penalizzante l’agricoltura e l’ambiente in un territorio come quello italiano. Non solo: va sempre ricordato che l’altrettanto citato Israele, con il quale i nostri Consorzi di bonifica mantengono costanti rapporti di reciproca collaborazione, ha trasformato il deserto in area verde; noi, invece, il giardino lo abbiamo ed il nostro compito è mantenerlo. Non mi pare proprio la stessa cosa…”.


Entra con determinazione Francesco Vincenzi, Presidente ANBI, sul tema del giorno e, per far comprendere i contorni assunti dalla siccità nell’ “Italia idricamente rovesciata”, cita un dato del C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche), che indica come, in 24 mesi, cioè da Febbraio 2021, ben il 38% delle aree agricole irrigue sia stato interessato da siccità severa-estrema.

“E’ pensabile risolvere il problema, dissalando l’acqua del mare? Se parliamo di isole sì, sostituendo le obsolete e costosissime “bettoline” del mare. Molti dubbi, invece, se farlo nel resto del Paese, soprattutto avendo come riferimento nazioni prettamente desertiche, dove l’economia del petrolio finanzia abbondantemente tale pratica – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – I costi metterebbero fuori mercato il made in Italy agroalimentare, aumentando i costi dei prodotti sullo scaffale. Insieme all’efficientamento della rete idraulica ed all’ottimizzazione dell’utilizzo irriguo, non è più logico creare le condizioni per trattenere e trasferire le acque di pioggia, migliorando al contempo l’ambiente attraverso una rete di laghetti multifunzionali ad iniziare dal riutilizzo delle migliaia di cave abbandonate?”

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

RIFORMA PENSIONI IN FRANCIA: MACRON SCAVALCA IL PARLAMENTO E SCOPPIANO LE PROTESTE

Prossimo Servizio

CREDIT SUISSE SALVATO DA UBS CON AIUTO DALLA FEDERAZIONE SVIZZERA

Ultime notizie su Economia

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss