Afghanistan, una seconda Pearl Harbor. Gli Usa erano stati allertati. Sottovalutato il dossier diplomatico

Lettura 1 min

Una ventina di funzionari del Dipartimento di Stato in servizio presso l’ambasciata americana a Kabul inviarono lo scorso 13 luglio un cable diplomatico al segretario di Stato Antony Blinken informandolo del possibile crollo della capitale dopo il 31 agosto, data di scadenza del ritiro delle truppe americane. Lo scrive in esclusiva il Wall Street Journal. Secondo il giornale statunitense il cablogramma avvertiva dei rapidi guadagni territoriali dei Talebani e del successivo crollo delle forze di sicurezza afghane e conteneva raccomandazioni sui modi per mitigare la crisi e accelerare l’evacuazione. 

Servizio Precedente

La sindaca di Crema, il post dalla parte dei profughi afghani. "Dedicato a quelli che "prima gli italiani. Fate cambio, se volete"

Prossimo Servizio

La campagna di Legambiente: in 30 anni perso il 70% di massa dei ghiacciai

Ultime notizie su Cronaca