Anche nell’universo girano “i responsabili”

Lettura 1 min

di Marcus Dardi – Mentre nel Parlamento italiano si cercano i responsabili e i costruttori, a 200 anni luce di distanza, nella costellazione dello Scultore, sei pianeti cercano il loro ruolo intorno alla loro stella, che è più piccola e più fredda del nostro Sole.

La scoperta di questi esomondi è stata fatta dalle università svizzere di Ginevra e di Berna.

Questo sistema planetario si chiama Toi-178 ed è stato studiato dal telescopio terrestre Very Large Telescope e dal satellite spaziale Cheops al quale partecipano anche scienziati italiani.

In questo sistema stellare, i pianeti gassosi sono più vicini alla loro stella e quelli a densità più alti, tipo la Terra, sono più lontani. Qui i pianeti girano in modo estremamente veloce rispetto a quelli del nostro sistema solare.

Questo studio aiuta a capire la formazione dei pianeti nell’universo.

Purtroppo nessun pianeta si trova in “zona abitabile della stella”. I sei pianeti sono grandi da una a tre volte la nostra Terra.

Secondo gli esperti nel sistema Toi-178 il movimento è armonioso ma le proprietà fisiche dei pianeti sono disordinate, con forti differenze di densità.

Questi pianeti girano intorno alla loro stella come in una danza ritmica. E stanno cercando ancora il loro equilibrio.

Potremmo quindi dire che “tutto l’universo è paese”.

Photo by Jonatan Pie 

Servizio Precedente

Don Abbondio stressato dal Covid

Prossimo Servizio

Galli tifa per Speranza. Ministero Salute?Evviva la continuità

Ultime notizie su Scienza

E ADESSO IL VAIOLO

“A seguito della segnalazione di alcuni casi di Vaiolo delle scimmie in Europa, il…