Votare senza un esame fa danni come guidare senza patente?

Lettura 2 min

di Simone Bonatelli – Una società dove sia possibile guidare senza patente è una società più libera o più pericolosa? Sembra una domanda assurda eppure ci sono aree del mondo dove per questioni organizzative, burocratiche e di sviluppo avere la patente di guida non è, nei fatti, un requisito indispensabile per condurre un veicolo.In Italia la prima proto-patente di guida risale al 1898, dopo oltre 112 anni non notiamo affatto che tecnicamente la necessità di avere una patente per mettersi alla guida sia una limitazione da una libertà personale, la libertà di muoversi conducendo un veicolo. Abbiamo interiorizzato la necessità di richiedere a chi si appresta a guidare di conoscere le norme di circolazione, perché accanto alla libertà individuale di muoversi e condurre un veicolo riconosciamo la necessità che questa libertà sia esercitata sulla base di una conoscenza condivisa, le norme di circolazione stradale.

Allora mi domando: richiedere di conoscere i tratti essenziali del quesito referendario che si vuole votare è una limitazione della libertà personale o è una tutela per l’intera comunità? Richiedere che si conoscano almeno a grandi linee ruoli e competenze degli organi dello stato prima di votare è un freno alla volontà popolare o un modo per metterla al riparo dalle manipolazioni?

L’Epistocrazia non vuole ridimensionare il suffragio universale, che è una conquista dell’umanità. Anche oggi esistono delle limitazioni, l’età e la cittadinanza, allora tutti devono poter votare, devono sottoporsi ad un esame e comprendere come funziona lo stato in cui vivono e le regole fondamentali del proprio paese. Esattamente come la patente di guida, l’esame per votare non deve richiedere studi avanzati e pregressi, deve essere accessibile e superabile da qualunque persona di buona volontà. Perché la buona volontà di capire è quella che serve per prendere delle buone decisioni, con il tempo e gli errori che servano.

Photo by Element5 Digital

Servizio Precedente

Le "norme vaghe" del Parlamento italiano

Prossimo Servizio

CREMONA nelle foto della grande Betty Poli

Ultime notizie su Politica