Metsola replica a Salvini

5 Dicembre 2023
Lettura 1 min

Quella di Matteo Salvini “non l’ho presa come una critica. Ho ottimi rapporti con tutti gli europarlamentari italiani, di tutti gli schieramenti politici. Vengo in Italia con il messaggio di unire le persone, di avvicinare l’Europa ai cittadini”. Lo dice la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, in una intervista al Corriere della Sera. Nell’intervista, Metsola si e’ concentrata soprattutto sul tema dei migranti e sull’accorco tra Italia e Albania. 

“L’errore fatto nelle passate campagne elettorali sull’immigrazione e’ che non ne abbiamo veramente mai discusso, perche’ temevamo di perdere quel centro europeo che e’ cosi’ fragile”, sottolinea il presidente del Parlamento europeo: “La mia risposta a ogni populismo e’ una legge completa ed equilibrata. Dal punto di vista del Parlamento europeo, siamo molto soddisfatti di essere riusciti a sbloccare uno stallo che durava da anni. Il fatto che ci sia una maggioranza in Consiglio che auspicabilmente portera’ a un accordo e ‘ la risposta a quei cittadini europei che nelle elezioni del 2019 misero le migrazioni in cima alle loro preoccupazioni. Tenendo conto di come le forze estremiste hanno sfruttato il tema a loro vantaggio, ha senso per noi discuterne oggi apertamente”. 

Riguardo all’accordo Roma-Tirana, infine, Metsola sottolinea che “se possiamo trovare soluzioni che prevedono il completamento delle richieste di asilo fuori dai confini dell’Ue, dobbiamo prenderle in considerazione. Saremo in grado di valutare questo accordo quando verra’ implementato”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

QUELL’IDEA DI EUROPA DI GIORGIA, DIVERSA DA QUELLA DI MATTEO

Prossimo Servizio

Migranti sanitari: la solita fuga da Campania, Calabria e Sicilia verso Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu