Contadini piemontesi in piazza: No alle scorie romane

Lettura 1 min

di Roberto Gremmo – I contadini Piemontesi hanno scelto il giorno di Sant’Antonio, protettore degli animali e delle campagne, per scendere in piazza ammonendo che la nostra regione non vuole diventare la pattumiera per le scorie nucleari.Partendo dalla frazione Casanova di Carmagnola, 250 trattori sono sfilati per far sentire la voce di una popolazione pacifica ma determinata che non vuole pericolose presenze in una zona agricola e fino ad oggi particolarmente serena. Come già ai tempi gloriosi delle manifestazioni del “Partito dei contadini” la dimostrazione popolare si e’ svolta a bordo dei mezzi di trasporto per i lavori agricoli ed ha ovviamente riscosso la piena approvazione della gente del posto, convinta che la benevolenza del “San toni del porcel” e la ferma determinazione dei “paisan” riusciranno a difendere il territorio da scelte avventate, imposte da fuori. Un militante autinomista presente al corteo ci ha fatto notare che al corteo dei mezzi agricoli mancavano solo i “drapo'” Piemontesi ma ci ha assicurato che se le richieste non saranno accolte, la prossima volta non mancheranno.

Servizio Precedente

Russia, oppositore Putin Navalny condannato a un mese di carcere

Prossimo Servizio

In Olanda i politici - in bicicletta - si dimettono sul serio

Ultime notizie su Piemonte