Autonomia lombarda. Castelli questa sera a Brescia

Lettura 2 min

Incontro pubblico il 25 novembre 2022 ore 20 a Brescia, presso l’Hotel Industria sul tema dell’autonomia lombarda con il Presidente Roberto Castelli, ex Ministro della Giustizia.

L’Associazione Autonomia e Libertà, fondata nel giugno del 2021, si riconosce nei valori dell’identità, dell’autodeterminazione, dell’autonomia, delle libertà inalienabili e della fratellanza fra i popoli.

Il referendum per l’Autonomia promosso in Lombardia e in Veneto il 22 ottobre del 2017 costituisce il momento storico fondante dell’associazione: per sostenerne la concreta attuazione, l’associazione promuove una serie di incontri.

A seguito dei risultati del referendum consultivo tenutosi il 22 ottobre, che vide la partecipazione di 3.030.748 elettori (pari al 38,74% degli aventi diritto), il 95,10% dei quali si espresse a favore del quesito referendario, venne avviato formalmente il negoziato con il Governo per l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia. Poi l’Autonomia è stata di fatto eliminata dal dibattito politico per anni, fino alla nascita dell’Associazione fondata da Roberto Castelli.

La serata del 25 novembre è promossa e organizzata da “Autonomia e Libertà Brescia”.

Seguirà l’intervento di Francesca Losi, Daniele Molgora, Giulio Arrighini.

L’incontro sarà presieduto dal Presidente dell’Associazione Roberto Castelli; già Ministro della Giustizia nei governi Berlusconi II e III (2001-2006) e Viceministro presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il governo Berlusconi IV (2009-2011). Deputato e Senatore della repubblica dal 1992 al 2013, su nomina di Attilio Fontana è stato il Presidente dell’Autostrada Pedemontana Lombarda, la più grande infrastruttura autostradale italiana in costruzione.

Per informazioni alle redazioni e per l’accredito dei giornalisti: …

Email tel

www.autonomiaelibertà.it

Giulio.arrighini@gmail.com

Servizio Precedente

Ue divisa sul tetto al prezzo del gas

Prossimo Servizio

Il Codice Rocco e le sue vittime. Esce il libro "Condanne a morte in Piemonte" di Julini