La lettera – Dall’obiettivo strategico del premierato alla metà del consenso e dei consiglieri regionali. Impossibile ritorno alla questione settentrionale. La Lega spaccia per vittoria l’essere “truppa ausiliaria” di Fratelli d’Italia

2 Gennaio 2024
Lettura 1 min



Il fatto e’ che la Lega di Matteo Salvini e’ pressoché scomparsa dalla mappa geografica italiana sotto la “linea gotica” ( da “La Lega e’ scomparsa in tutto il Centrosud. Meloni lancia la sfida al fronte sovranista” – la Repubblica del 31.12.2023).

Un partito che si propone come obiettivo strategico il premierato per il suo leader e poi, alle elezioni politiche del 2022, perde metà del consenso (dal 17% all’8%) e alle regionali del 2023, in Lombardia, al Nord, perde un milione di voti e la metà dei consiglieri regionali, piuttosto che fantasticare di improbabili ponti faraonici e di centrali nucleari a Milano, forse dovrebbe dedicarsi con maggiore dedizione alla democrazia interna ed organizzare congressi nei quali decidere eventuali nuove linee programmatiche o eleggere leader alternativi per un rinnovato corso politico.

Certo, dopo la svolta nazionalista e tricolore (“Prima gli italiani”), un ritorno alla questione settentrionale e alla causa padanista appare molto improbabile, se non  addirittura impossibile. Se poi, invece, si vuol spacciare come una grande vittoria politica il fatto di essere diventati le “truppe ausiliarie” dei patriottici Fratelli e Sorelle (Meloni) d’Italia…

Cuore Verde

Cuore Verde

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Corsi e ricorsi della storia – Quando Mussolini volle vietare i termini “Regione” e “Veneto” dai documenti dello Stato

Prossimo Servizio

“La dogaressa tra storia e mito. Venezianità al femminile dal Medioevo al Novecento”. La first lady ante litteram in mostra a Portogruaro

Ultime notizie su Lettere

TornaSu