Mercato energia, l’addio al mercato tutelato può costare quasi 1000 euro a famiglia

22 Settembre 2023
Lettura 1 min

 Slitterà ancora la fine del mercato tutelato dell’energia? Il 10 gennaio 2024 è prevista la fine del mercato tutelato dell’energia per i clienti domestici ma ci potrebbe essere un nuovo slittamento della data e dunque della fine della maggior tutela. La data c’è ma si rincorrono voci sulla sua proroga. il 10 gennaio 2024 è prevista la cessazione del regime dei prezzi regolati dall’Autorità energia per le forniture domestiche di luce e gas. Dopo quella data, i consumatori ancora nel regime Tutelato (circa un terzo del totale) potranno scegliere liberamente un fornitore del mercato libero e le condizioni tariffarie proposte. Chi non procederà con questa scelta, si vedrà attribuire un operatore in automatico con il Servizio a tutele graduali (STG), un regime transitorio che durerà altri 3 anni (fino al 1° aprile 2027). Ma sarebbe in vista una nuova proroga della scadenza, come avrebbe lasciato intendere il Ministro dell’Ambiente parlando dell’imminente decreto energia che «interviene nella liberalizzazione per le famiglie, in un momento in cui non c’è la certezza che il quadro geopolitico tenga, e che quindi i prezzi possano essere previsti».

Per il Codacons è da valutare “bene l’ipotesi di un rinvio della fine del mercato tutelato, ma qualche mese non basta. Solo per il gas, il passaggio al mercato libero causerebbe un aggravio di +994 euro annui a famiglia. Con l’avvicinarsi della fine del mercato tutelato, in ogni caso, si sono moltiplicate le pratiche scorrette dei gestori energetici specie sul fronte dell’accaparramento di clientela. Registriamo in particolare un intensificarsi delle telefonate commerciali indesiderate, delle pratiche aggressive e dei contratti estorti in modo ingannevole. Allo stesso tempo la trasparenza sulle reali condizioni tariffarie dei contratti e sulle caratteristiche delle offerte commerciali diventa sempre più un miraggio, con la conseguenza che i consumatori modificano le proprie scelte dietro la promessa di risparmi e vantaggi nella pratica inesistenti. In vista della fine definitiva del mercato tutelato chiediamo un incremento dei controlli e sanzioni pesantissime per quegli operatori che, sfruttando il delicato momento, approfitteranno dei consumatori mettendo in atto comportamenti aggressivi e illegali”.

Credit foto ashes-sitoula-UfEyDdXlRp8-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Altro che superbonus. Vi racconto il decreto da 200 miliardi di aiuti dalle banche, garantiti dallo Stato per il Covid. Poi arriva la crisi, la guerra e dal 2022 lo Stato toglie le garanzie….

Prossimo Servizio

La lettera di dimissioni del militante di Barzanò, Casati: Soci storici manovalanza nei gazebo, nuovi personaggi non rappresentano la base, non difendono il Nord e le origini della Lega. Avete stravolto il partito

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia
TornaSu

Don't Miss