Un mese di voi, 230mila volte grazie, la nuovapadania c’è! Buona Pasqua!

Lettura 3 min

Care lettrici, cari lettori! Siamo partiti la notte del 12 marzo, un mese fa. Il senso di smarrimento per quanto stava per esplodere, il Paese completamente fermo, tutti chiusi nelle nostre case, chi vicino, chi lontano… un senso di vuoto e di indefinizione su tutto… Ci siamo sentiti tutti più smarriti.

La mattina vi siete risvegliati con una novità. Una piccola speranza, una piccola fiammella accesa a ridare un po’ di carica. L’eredità, o meglio, lo stile, l’anticonformismo di una testata che non c’è più, sono tornati, dentro una veste diverse, nuova, ma senza perdere il senso di uno stile di fare giornalismo fuori dal coro. Non siamo il giornale di un partito, di una cordata di imprenditori, siamo il giornale di una pattuglia avventurosa di giornalisti.

Dopo un mese siamo ancora qui! A dirvi semplicemente grazie, perché siete tanti. Noi non abbiamo bazooka economici, non abbiamo sponsor, non abbiamo citazioni sulla stampa. Anche se i riconoscimenti di autorevoli colleghi non sono mancati. Perché in questo crediamo, crediamo che i lettori si pesino, e non si contino soltanto. Essere letti da clickomani su facebook fa fare numeri, ma essere seguiti e cercati da lettori consapevoli che attraverso il giornalismo vogliono sviluppare la propria coscienza critica, questo ci piace. Oggi il bipolarismo non è tra Nord e Sud, anche se lo è, economico e sociale. Il bipolarismo è tra conoscenza e non conoscenza. Tra competenza e ignoranza.

Avere accumulato tra le mani 230mila utenti unici, e altrettante se non di più pagine visualizzate è un successo che ci gratifica per lo sforzo, la fatica di cercare le notizie. Grazie.

Grazie a voi e a tutta la redazione. A Riccardo Rocchesso in primis che ha subito creduto in questo viaggio, e ai nostri amici collaboratori: Sergio Bianchini, Giuseppe Reguzzoni, Luigi Basso, Giuseppe Longhin, Max Rigano, Giuseppe Olivieri, Marcus Dardi, Roberto Pisani, ai suggerimenti tecnici di Davide Zenati e a tutti gli altri che portano il loro prezioso contributo di idee, di spunti, di suggerimenti. Puntiamo a traguardi ambiziosi, oggi come non mai c’è bisogno di liberare l’energia che c’è in noi, nel rispetto delle regole della buona comunicazione che, come potete ben capire, è indispensabile come l’aria.

A tutti voi, BUONA PASQUA!

Servizio Precedente

Partono i Quaderni Federalisti de lanuovapadania

Prossimo Servizio

Quel 12 aprile 1984 della Lega Lombarda

Ultime notizie su Cronaca