Trump, oggi davanti al tribunale federale

3 Agosto 2023
Lettura 2 min

Trenta mesi dopo l’insurrezione del 6 gennaio 2021, che porto’ migliaia di sostenitori trumpiani ad assediare il Congresso, L’ex presidente americano dovra’ oggi rispondere davanti al tribunale federale di Washington alle accuse di aver cercato di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. L’appuntamento e’ per le ore 16 di Washington, le 22 in Italia. 

Dovra’ affrontare un giudice a pochi isolati dal Campidoglio degli Stati Uniti che i suoi sostenitori hanno preso d’assalto per bloccare il trasferimento pacifico del potere presidenziale. In quello che ormai e’ diventato un rituale familiare ma comunque sbalorditivo, Trump dovrebbe essere processato dalle forze dell’ordine, essere arrestato e presentare una dichiarazione di non colpevolezza davanti a un giudice prima di essere rilasciato, in modo che possa rientrare nella campagna elettorale del 2024. Trump e’ stato incriminato per la terza volta: dopo le richieste sul pagamento alla pornostar Stormy Daniels e le carte segrete a Mar-a-Lago. Rischia anni di carcere. 

Quattro i capi d’accusa contestati, tra cui il piu’ grave, messo al primo posto, quello di “aver cospirato per frodare gli Stati Uniti”. Il terzo atto ha seguito il percorso degli altri due: a fine marzo Trump aveva anticipato la sua incriminazione a New York per il pagamento in nero a due donne pronte a rivelare nel 2016 la relazione extraconiugale con l’allora candidato presidente. Poco dopo l’atto era diventato ufficiale. Poi a giugno era successo a Miami, Florida, quando il tycoon aveva anticipato le mosse della procura, gridando all’ennesima “caccia alle streghe”. 

E l’incriminazione, puntuale, era arrivata, quella volta per 37 reati, legati al trasferimento illegale di documenti riservati dalla Casa Bianca al resort di Trump, a Mar-a-Lago. Ma se il canovaggio e’ stato lo stesso, la gravita’ dei reati contestati e’ andata crescendo: quella che oggi il super procuratore federale Jack Smith, nominato dal dipartimento Giustizia per fare luce sull’insurrezione del 6 gennaio 2021, ha contestato e’ la piu’ grave, perche’ presuppone il tentativo di “frodare” gli Stati Uniti.

Nessun presidente in carica o ex, prima di Trump, era mai stato incriminato per reati penali. Il magnate e’ stato incriminato addirittura tre volte. Lui, poco prima che la notizia diventasse ufficiale, aveva parlato ancora di “caccia alle streghe” e di “persecuzione politica da Germania nazista o da ex Unione Sovietica”. Il magnate ha respinto le accuse, ribadendo di non aver fatto niente di male, anche se non ha spiegato perché aveva ordinato al manager del resort di cancellare le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza del resort di Mar-a-Lago. 

Gli altri tre reati contestati riguardano, al punto due e tre, il tentativo di interrompere una procedura ufficiale; al punto quarto, di aver preso parte a un piano per negare al popolo i diritti civili fissati dalla legge o dalla Costituzione. “Ciascuno di questi complotti – si legge nell’atto di incriminazione – e’ stato costruito sulla base di informazioni false diffuse dall’imputato, prendendo di mira una funzione fondamentale del governo federale degli Stati Uniti: il processo di raccolta, conteggio e certificazione dei risultati delle elezioni presidenziali”. 

“Il mio ufficio – ha dichiarato il procuratore Smith – cerchera’ di ottenere un processo senza ritardi”. Nell’incriminazione si parla di altri sei complici, ma non sono stati indicati i nomi. Le accuse rappresentano un momento straordinario nella storia degli Stati Uniti: un ex presidente, che si trova nel pieno della sua campagna elettorale per tornare alla Casa Bianca, e’ accusato di aver usato il suo potere per sovvertire la democrazia e restare al suo posto, nonostante il voto espresso da piu’ di 150 milioni di americani. 

L’incriminazione arriva piu’ di due anni e mezzo dopo l’insurrezione a Washington dei sostenitori trumpiani, alimentati dal comizio infuocato del tycoon, che assaltarono i palazzi del Congresso, a Capitol Hill. Ma i tentativi di Trump di bloccare la certificazione della vittoria del suo rivale, Joe Biden, non sono finiti qui, almeno dal punto di vista giudiziario: il tycoon dovrebbe essere incriminato anche dalla procura di Fulton County, Georgia, per aver tentato di ribaltare il risultato elettorale di quello Stato chiave nella corsa presidenziale. L’atto di incriminazione verra’ presentato probabilmente questo mese. E Trump, come sempre, lo anticipera’ con un post sulla sua piattaforma privata. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

L’AUTOPRODUZIONE DI ENERGIA ENTRA NEL PNRR

Prossimo Servizio

E in Germania cala la fiducia delle case automobilistiche

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu

Don't Miss