Trattori, la protesta degli agricoltori si allarga in Francia

24 Gennaio 2024
Lettura 1 min

 La mobilitazione degli agricoltori francesi si è intensificata mercoledì con posti di blocco per fare pressione sul governo del premier Gabriel Attal e ottenere risposte rapide alle loro richieste. Mercoledì mattina presto, gli agricoltori a bordo di almeno 200 trattori hanno invaso la circonvallazione della città di Bordeaux, centro nevralgico tra Parigi e la Spagna, bloccando il traffico per esprimere le rivendicazioni di “un’agricoltura arrabbiata”. “Le azioni aumenteranno” mercoledì, ha promesso martedì sera a TF1 il presidente del sindacato di maggioranza FNSEA, Arnaud Rousseau. Dopo l’incontro di lunedì tra la FNSEA ei Giovani Agricoltori (JA), il Coordinamento Rurale, il secondo sindacato, e la Confederazione dei Contadini, il terzo, hanno lasciato martedì sera l’ufficio del primo ministro senza chiedere la rimozione dei blocchi. I primi hanno giudicato lo scambio “costruttivo” mentre i secondi hanno giudicato le proposte “insufficienti”. Si prevedeva che il movimento continuasse mercoledì, con mobilitazioni di agricoltori e blocchi annunciati su strade e autostrade nazionali, dal nord al sud del paese. Si prevedono nuove manifestazioni e occupazioni di rotatorie, pedaggi o svincoli autostradali o addirittura operazioni di lumache in tutto il Paese e nel nord l’accesso al tunnel sotto la Manica e al porto che serve l’Inghilterra potrebbe essere interrotto, hanno avvertito le autorità.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Sciopero dei mezzi a Milano. Metro 2 chiusa nella tratta centrale

Prossimo Servizio

Tornano i trattori anche in Italia. Protesta contro tagli sussidi e costi insostenibili di produzione

Ultime notizie su Cronaca

Caso Vannacci, la Lega: Giustizia a orologeria

“E’ motivo di orgoglio che un coraggioso servitore della Patria come Roberto Vannacci venga accostato alla Lega”, si legge in una nota del partito. “L’indagine a suo carico conferma il nervosismo di chi teme il
TornaSu