Solidarietà alla collega Alessia Lautone, direttrice LaPresse, aggredita a Milano

14 Dicembre 2023
Lettura 2 min

E’ stata vittima di una aggressione stamane nei pressi della Stazione Centrale a Milano la cara collega ed amica Alessia Lautone, direttrice della prestigiosa agenzia La Presse. Il nostro quotidiano esprime sdegno per il grave episodio e invia un affettuoso abbraccio solidale alla coraggiosa giornalista.

E’ la stessa collega ad averne dato notizia così:  “Sono stata aggredita con spinte e insulti. L’uomo continuava a fare il gesto di volermi sgozzare. Così, senza motivo. Mattinata da incubo in via San Gregorio a Milano”, scrive su X Lautone.

Messaggi di solidarietà sono arrivati dalle istituzioni. Ecco le principali reazioni.

“Solidarieta’ ad Alessia Lautone , direttrice dell’agenzia di stampa LaPresse, che questa mattina a Milano e’ stata aggredita nella zona della stazione Centrale. A lei la vicinanza mia personale e del Senato della Repubblica”. Lo afferma il presidente del Senato Ignazio La Russa. 

 “Piena solidarieta’ alla direttrice dell’agenzia LaPresse, Alessia Lautone , aggredita oggi, con spinte e insulti, in pieno centro a Milano. Un episodio, l’ennesimo, che dimostra ancora una volta in quale grave situazione di totale insicurezza versi la citta’. E’ inammissibile che sulla sicurezza l’azione del sindaco Sala sia totalmente fallimentare e non tuteli i cittadini che a Milano rischiano pressoche’ quotidianamente per la loro incolumita’. Il governo e il centrodestra sul tema sicurezza hanno previsto interventi concreti, potenziando i presidi sul territorio e stanziando maggiori risorse per le forze dell’ordine. Sarebbe opportuno che anche il sindaco Sala decida finalmente di fare la sua parte a tutela dei milanesi”. Lo dichiara in una nota la senatrice di Forza Italia e vicepresidente del Senato, Licia Ronzulli. 

“Esprimo massima solidarietà e vicinanza alla direttrice Alessia Lautone . Ho appena saputo di questa ignobile aggressione e quindi ci tengo ad esprimere a nome di tutto il M5S solidarietà. Si conferma un grande problema di sicurezza, non solo nelle nostre periferie ma addirittura al centro delle nostre più grandi città”. Così il presidente M5S Giuseppe Conte, parlando con i giornalisti in Senato dell’aggressione alla direttrice di LaPresse, denunciata da lei stessa sui social. “E’ una conferma di come questo governo predichi molto ma razzoli male, dovrebbe concentrarsi di più per rispondere ai bisogni dei cittadini”, ha concluso.

Solidarieta’ alla direttrice di LaPresse per la vile aggressione che ha subito stamattina a Milano. La questione della sicurezza in citta’ e’ sempre piu’ seria. Servono provvedimenti immediati, il sindaco Sala non puo’ ignorare ancora il problema o continuare a cercare palliativi”. Lo dichiara il vicepresidente del Senato Gian Marco Centinaio

“Sono solidale, insieme a tutto il gruppo di Noi moderati, con la direttrice dell’agenzia LaPresse. Condanniamo fermamente l’attacco, gestuale, verbale e fisico, da lei subito nelle vie del centro di Milano. E’ solo uno , e non l’ultimo, di una serie di fatti violenti che stanno interessando la citta’, e crea sconcerto che proprio Milano sia in testa a classifiche sull’indice di criminalita’ predatoria, con quasi 7 mila reati denunciati ogni 100 mila abitanti e denuncia in crescita. Ogni cittadino deve poter essere libero di circolare nelle vie della propria citta’, senza dover temere per la propria incolumita’. Bisogna investire sulla sicurezza”. Lo dice il presidente di Noi moderati Maurizio Lupi.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Tentino, il Tar rinvia la sentenza sull’ordinanza di abbattimento degli orsi voluta da Fugatti

Prossimo Servizio

Fari puntati su Atreju. Fratelli d’Italia consolida la leadership del centrodestra

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu