Reddito cittadinanza, la Finanza: Frodi per 5,6 miliardi negli ultimi mesi

Lettura 1 min

Le indagini piu’ recenti “confermano l’interesse della criminalita’ per gli aiuti destinati a famiglie e imprese. Emblematico l’esempio dei bonus fiscali: la possibilita’ illimitata di circolazione dei crediti prevista dalla normativa emergenziale e’ stata strumentalizzata per scopi illeciti, inducendo il legislatore a intervenire per contrastare il fenomeno”. Lo dice in un’intervista al Corriere della Sera il Comandante generale della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana.

“Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022, di concerto con l’Agenzia delle entrate, abbiamo scoperto frodi per oltre 5,6 miliardi di euro e sequestrato crediti inesistenti per 2,5 miliardi”. Nell’ultimo anno e mezzo inoltre “i nostri reparti hanno posto sotto sequestro beni per oltre 677 milioni”. L’attenzione e’ massima, “ma la realizzazione del Pnrr non puo’ confidare solo nella repressione, con la prevenzione si riuscira’ a evitare l’utilizzo improprio dei fondi”. Inoltre dall’inizio del 2021, “i controlli sul reddito di cittadinanza hanno portato alla denuncia di oltre 29.000 soggetti, per illeciti che, tra somme indebitamente percepite e illecitamente richieste ma non ancora erogate, assommano a circa 290 milioni di euro”.

Per quanto riguarda invece i beni sequestrati in Italia agli oligarchi russi in Italia, ci sono stati “15 provvedimenti di congelamento, sino ad oggi adottati, su beni, per un valore di circa 1,8 miliardi di euro”.

Servizio Precedente

Bassetti: Vaccino, richiamo per i fragili ma no ad obbligo per tutti

Prossimo Servizio

SICCITA' - Ferrara, il sindaco decreta: Stop al lavaggio auto

Ultime notizie su Cronaca