Procura chiede rinvio a giudizio per Pivetti

Lettura 3 min

La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per Irene Pivetti e altre 5 persone nell’ambito dell’inchiesta, chiusa nelle scorse settimane, su una serie di operazioni commerciali sospette, tra cui la compravendita di tre Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per ripulire soldi illeciti sottratti al Fisco. A febbraio il Riesame, accogliendo il ricorso del pm Giovanni Tarzia dopo la bocciatura da parte del gip, ha disposto il sequestro di circa 3,5 milioni di euro a carico dell’ex deputata e di quasi mezzo milione a un suo consulente, Pier Domenico Peirone, che a fine aprile ha gia’ patteggiato 1 anno e 10 mesi. E si attende la fissazione dell’udienza in Cassazione dopo il ricorso del legale di Pivetti, l’avvocato Filippo Cocco, contro il sequestro disposto nell’indagine del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf. Tra gli imputati per i quali il pm ha chiesto il processo figurano anche il pilota di rally ed ex campione di Gran Turismo Leonardo ‘Leo’ Isolani, la moglie Manuela Mascoli, la figlia di lei Giorgia Giovannelli, il notaio Francesco Maria Trapani e un altro imprenditore, Candido Giuseppe Mancaniello

. In “oltre sette ore di interrogatorio” nei giorni scorsi, ha fatto sapere l’avvocato Cocco, Pivetti “ha spiegato e ricostruito correttamente i fatti che le contestano” e “ovviamente dopo una vicenda del genere ci si aspettava la richiesta della Procura, che discuteremo finalmente davanti al Gup”.

Spettera’ al giudice Fabrizio Filice decidere se mandare o meno a processo i 6 imputati. Nell’inchiesta viene ipotizzato un ruolo di intermediazione di Only Italia, societa’ riconducibile a Pivetti, in operazioni del 2016 del Team Racing di Isolani, che voleva nascondere al Fisco (aveva un debito di 5 milioni) alcuni beni, tra cui le tre Ferrari. Attorno alle tre auto, secondo l’accusa, venne organizzata una finta vendita verso una societa’ cinese. Quelle macchine, pero’, non sono mai arrivate, si legge negli atti, “nella disponibilita’” dell’acquirente ‘sulla carta’, il gruppo cinese Daohe, ma sarebbero state trasferite da Isolani in Spagna, “dove tento’ di venderle”.

L’unico “bene effettivamente ceduto, ovvero passato” ai cinesi e’ stato “il logo della Scuderia Isolani abbinato al logo Ferrari”. Se lo scopo di “Isolani e Mascoli” era quello “di dissimulare la proprieta’ dei beni e sottrarli” all’Erario, “l’obiettivo perseguito da Irene Pivetti” sarebbe stato quello “di acquistare il logo Isolani-Ferrari per cederlo a un prezzo dieci volte superiore al gruppo Dahoe, senza comparire in prima persona”. Attraverso la “complessa contrattazione” Isolani e la moglie, “simulando la vendita dell’intera scuderia, hanno di fatto ceduto soltanto il logo”, mentre Pivetti, per la Procura, ha comprato quel logo a 1,2 milioni di euro e lo ha rivenduto al gruppo cinese a “10 milioni”. Gli investigatori, tra l’altro, hanno seguito le tracce di un vorticoso giro di denaro, per oltre 7,5 milioni di euro, con rogatorie anche a Hong Kong. 

Servizio Precedente

Londra pronta a sostenere Svezia e Finlandia in caso di offensiva

Prossimo Servizio

Violentata dal marito, vende casa prima di 5 anni. Fisco rivuole indietro agevolazioni acquisto. Ragioni "non gravi" per diritto a deroga. Cosa è più grave, per lo Stato?

Ultime notizie su Cronaca