Liquirizia medicina contro il Covid. Lo studio dell’Università di Napoli

Lettura 1 min

Un studio condotto dall’Università di Napoli ha confermato quanto già diversi studi internazionali avevano evidenziato, e cioè la che glicirizzina, il principale costituente della liquirizia, ha un’arma speciale contro il covid ed è in grado di ostacolare l’ingresso all’interno delle cellule umane. Ad affermarlo all’Adnkronos Salute è Desiderio Passali, past president Italian Society of Rhinology. “Noi – ricorda l’otorinolaringoiatra – la usavamo per le forme ricorrenti di rinosinusite nasale”. Secondo gli scienziati napoletani la sostanza “è in grado, in vitro, di legarsi sia al recettore Ace delle cellule umane che alla proteina Spike del virus, rispettivamente la serratura e la chiave di accesso del virus all’interno delle cellule dell’organismo umano. La glicirizzina, insomma – spiega Passali – sarebbe in grado di ostacolare l’interazione di queste due componenti tra loro, e come risultato provocherebbe l’oggettiva difficoltà da parte del virus di entrare nella cellula umana e di replicarsi”.

Photo by Erwan Hesry 

Servizio Precedente

Nessuno si inginocchia per gli hongkonghesi nell'Europa filocinese?

Prossimo Servizio

Gli Usa pronti a mettere al bando Tik Tok

Ultime notizie su Cronaca