Inchiesta Anas. Sottosegretario Freni: “Chi fa il mio nome millanta”

30 Dicembre 2023
Lettura 1 min

“Chi fa il mio nome millanta”. Lo afferma il sottosegretario all’Economia Federico Freni in un’intervista a ‘Repubblica’, citata nell’ordinanza sugli appalti dell’Anas nella quale non risulta indagato. E sulla sua “disponibilità”, riferita da uno degli indagati, ribatte: “L’unica disponibilità che mi riconosco sottolinea – è quella all’ascolto: vale per tutte le persone che incontro e ricevo, dalla prima all’ultima”. Freni si dice “assolutamente tranquillo. La preoccupazione si riserva a cose gravi, non certo a citazioni di terze persone. Se dovessi preoccuparmi di tutti i giudizi o le chiacchiere altrui, oltre un limite ragionevole, non dovrei uscire di casa. La mia serenità deriva dal fatto che sono completamente estraneo a questa inchiesta”. 

Aggiunge che “non posso governare ciò che altri dicono di me, o le fantasie che si possono raccontare a terzi uscendo dal mio ufficio, a prescindere da cosa si sia realmente detto all’interno. È un prezzo che, nel mio ruolo, si rischia di pagare”. Il sottosegretario conclude spiegando che “come non condivido il garantismo a giorni alterni, così non cambia la mia opinione sulla magistratura. Dietrologie, manine e simili li lascio volentieri alle cronache rosa. Credo, al contrario, che la responsabilità, personale e politica, soprattutto quella di chi ricopre un incarico istituzionale, deve essere sottoposta a un continuo controllo, senza ovviamente scadere in persecuzioni ingiustificate. È un atto dovuto, un segnale di rispetto per i cittadini che scelgono i loro rappresentanti”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Comuni virtuosi e animali – A Fiumicino nasce l’Albo dei veterinari contro il randagismo

Prossimo Servizio

Storace difende Salvini: “Su Anas storie, millanterie, leader veri e onesti con codazzo di cantastorie all’opposizione e in maggioranza”

Ultime notizie su Cronaca

Caso Vannacci, la Lega: Giustizia a orologeria

“E’ motivo di orgoglio che un coraggioso servitore della Patria come Roberto Vannacci venga accostato alla Lega”, si legge in una nota del partito. “L’indagine a suo carico conferma il nervosismo di chi teme il
TornaSu