Storace difende Salvini: “Su Anas storie, millanterie, leader veri e onesti con codazzo di cantastorie all’opposizione e in maggioranza”

30 Dicembre 2023
Lettura 1 min

 “La vicenda ANAS merita almeno quattro riflessioni ‘da destra’”: lo scrive Francesco Storace sul suo canale whatsapp in un post aperto da una foto con lui e il leader leghista Matteo Salvini e intitolato ‘sull’ANAS storie, millanterie , leader veri e onesti con codazzo di cantastorie all’opposizione e in maggioranza’. ”Parlano tra di loro e inguaiano altri. Ecco perché ci vuole certezza nell’informazione e non propaganda tra virgolette – sottolinea Storace – Salvini, leader vero e onesto, non è toccato dall’inchiesta ANAS. Lo citano solo come ‘parente di’. Ma non è un reato”. 

Per Storace “l’opposizione ‘sciacalla’ come al solito. Del resto è il gioco delle parti che si reciterà fino a quando non si avrà il coraggio di mettere fine all’intreccio tra politica e giustizia. In pochi si distinguono dalla caccia all’ uomo, a partire da Enrico Costa. In maggioranza c’è anche qualche puzzo di viltà. Dirsi non riattabili o affermare di non avere parentele sotto attacco offre l’idea di voler scaricare per paura alleati finiti nel mirino senza nemmeno sapere se per cose serie o per millanterie. Toccherà anche a loro, prima o poi, come ha previsto Crosetto tempo fa. Così – conclude Storace – si fa la fine dei cantastorie, ed è un errore”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Inchiesta Anas. Sottosegretario Freni: “Chi fa il mio nome millanta”

Prossimo Servizio

Renzi, se Pd perde Firenze, Schlein perde il Nazareno

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu