Frena il Pil, Cna: Lasciateci investire per evirare la recessione

8 Novembre 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – La frenata del PIL sta interrogando gli addetti ai lavori e anche gli imprenditori di CNA si dimostrano preoccupati per il rallentamento dell’ economia.

“Le nostre preoccupazioni stanno trovando riscontri. Lo dimostra, purtroppo, la crescita zero per l’Italia registrata dall’Istat nel terzo trimestre di quest’anno. E, dato forse ancor più allarmante, dopo dieci trimestri si arresta anche l’incremento della dinamica tendenziale”. Lo si legge in un comunicato della CNA.

“Il nostro Paese ha bisogno di investimenti per riprendere la strada dello sviluppo. Senza investimenti il rischio è che si possa innescare addirittura una dinamica recessiva – prosegue la nota – Con una manovra condizionata dai vincoli di bilancio non si può ipotizzare una inversione di tendenza. Bisogna approfittare, allora, di tutte le risorse aggiuntive possibili, con rapidità ed efficienza, senza finire per sprecare un solo euro: dal Pnrr ai Fondi europei passando per i grandi eventi, come il Giubileo e i Mondiali di Sci”, conclude il comunicato della CNA.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

L’on. Maria Chiara Gadda maratoneta a New York. Come credere in ciò che si vuole raggiungere

Prossimo Servizio

E’ tornata la lince sul Gran Paradiso

Ultime notizie su Cronaca

Il balletto del Superbonus

Il decreto Superbonus, su cui il governo ha posto la fiducia al Senato, è passato con il voto a favore di tutti i gruppi di maggioranza. La fiducia è stata approvata con 101
TornaSu