OCCUPAZIONE: PMI ARTIGIANE SUPERANO LE MULTINAZIONALI DEL 42%

12 Maggio 2024
Lettura 3 min

di Gigi Cabrino – Il sistema produttivo italiano ha un elemento fondamentale nelle piccole imprese artigiane.L’ufficio studi di Confartigianato ha pubblicato uno studio che compara l’occupazione nelle PMI artigiane con quella delle multinazionali che operano nel paese.L’economia italiana è caratterizzata da presenza di micro e piccole imprese (MPI) più marcata rispetto agli altri paesi europei e poco meno di un quarto delle MPI è rappresentato da imprese artigiane. Anche grazie al sistema diffuso di piccola imprese l’Italia ha potuto reagire positivamente alla pandemia del 2020 e alla crisi energetica del 2022, realizzando una crescita del PIL superiore a quella dei maggiori paesi europei.Una evidenza statistica stilizza il modello di sviluppo italiano basato su un diffuso sistema di piccola imprese: in Italia l’occupazione nell’artigianato supera del 42,0% quella dei gruppi multinazionali italiani.

L’analisi è contenuta nel report pubblicato dall’Ufficio Studi in occasione della 3a Giornata della cultura artigiana ‘. Qui per scaricare ‘IA e complementarietà, l’equazione dell’Intelligenza Artigiana – Key data della cultura artigiana’.Vi è una combinazione di fattori strutturali, culturali e normativi che contribuisce al predominio delle MPI e delle imprese artigiane rispetto al sistema delle multinazionali. Le imprese di minore dimensione tendono ad essere più flessibili rispetto alle grandi imprese multinazionali, si adattano alle mutevoli condizioni di mercato e alle esigenze dei clienti, rimanendo competitive anche in contesti economici incerti. Le MPI e le imprese artigiane svolgono un presidio di settori di grande rilevanza per l’economia italiana, tra i quali ricordiamo quelli della moda, del food, dei servizi turistici e di quelli alla persona, del trasporto di merci e persone. Una diffusa presenza di imprese poggia su una forte cultura imprenditoriale, con una propensione al lavoro indipendente più elevata rispetto alla media europea. Le piccole imprese sopperiscono alle mancate economie di scala mediante reti di imprese, accrescendo la loro competitività mediante la collaborazione con altre imprese. Queste reti favoriscono lo sviluppo delle MPI, creando sinergie che possono essere difficili da replicare per le multinazionali.Infine, il peso della burocrazia e di una elevata pressione fiscale disincentiva gli investimenti in Italia delle multinazionali estere e incentivalo la delocalizzazione delle grandi imprese italiane.

Artigianato vs multinazionali nel territorio – A livello regionale la dominanza dell’occupazione artigiana rispetto a quella dei gruppi multinazionali italiani è diffusa in tutti i territori tranne che nel Lazio dove l’occupazione artigiana è inferiore del 17,9%. Nella tavola a pagina 13 del report i dati completi per ciascuna regione. Tra le maggiori regioni, con oltre 1 milione di addetti, primeggia per dominanza dell’occupazione dell’artigianato la Toscana dove i 224mila addetti nell’artigianato sono più del doppio (+119,1%) rispetto all’occupazione dei gruppi multinazionali italiani; segue il Veneto con 325mila occupati pari al +40,5%, Campania con 102mila addetti pari al +38,7%, Piemonte con 214mila addetti pari al +33,1%, Emilia-Romagna con 278mila addetti pari al +12,4% e Lombardia con 486mila addetti pari al +5,3%.Una prevalenza dell’occupazione artigiana di norma più netta si risconta nelle regioni di grandezza intermedia, tra 300mila e 1 milione di occupati totali: la Sardegna conta 64mila addetti nell’artigianato che sono quasi il triplo (+190,6%) dell’occupazione dei gruppi multinazionali italiani, seguono la Sicilia con 132mila addetti nell’artigianato, 2,7 volte (+165,7%) l’occupazione di tali gruppi, la Puglia con 133mila addetti nell’artigianato, 2 volte e mezzo (+150,9%) l’occupazione di tali gruppi, le Marche con 112mila addetti nell’artigianato, più del doppio (+114,0%) rispetto all’occupazione di tali gruppi, l’Abruzzo con 55mila addetti nell’artigianato pari al +88,5%, la Liguria con 73mila addetti nell’artigianato pari al +52,6% ed infine tra queste regioni solo il Friuli-Venezia Giulia con 62mila addetti nell’artigianato supera l’occupazione dei gruppi multinazionali italiani con un valore inferiore alla media e pari all’11,6%.La diffusione dell’impresa artigiana nel Mezzogiorno fa da contraltare ad un obsoleto modello di sviluppo centrato sull’insediamento della grande impresa integrata globalmente. Nelle regioni meridionali l’occupazione dell’artigianato ammonta a 567mila addetti ed è più che doppia (+121,2%) rispetto quella dei gruppi multinazionali italiani ed è l’unica ripartizione dove addirittura supera, precisamente del 26,0%, quella di tutti i gruppi multinazionali, italiani ed esteri, mentre a livello nazionale l’occupazione artigiana risulta inferiore del 23,9%. Di conseguenza la predominanza dell’occupazione dell’artigianato su quella del totale del gruppi multinazionali è meno diffusa e riguarda undici territori: la Calabria con il +132,4%, Sicilia con il +75,7%, Sardegna con il +58,8%, Marche con il +47,5%, Puglia con il +40,8%, Provincia Autonoma di Bolzano con il +38,2%, Umbria con il +33,6%, Molise con il +33,4%, Toscana con il +19,7%, Provincia Autonoma di Trento con il +13,6% e Valle d’Aosta con il +12,8%.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

E Giorgetti a Tajani: Se farà una ragione anche lui, emendamento Superbonus necessario

Prossimo Servizio

“Ciocca Point” a Pavia. “Rivoluzionare insieme l’Europa”

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva
TornaSu