Fnsi – Sindacati giornalisti diserteranno conferenza stampa fine anno della premier. “No a legge bavaglio”. Contestata legge su restrizione diffusione ordinanze custodia cautelare

20 Dicembre 2023
Lettura 1 min

 “Domani la Fnsi non sarà alla conferenza stampa di fine anno del premier Meloni e convocherà invece una giunta straordinaria per organizzare la mobilitazione della categoria, assieme alla società civile, contro il nuovo bavaglio al diritto di cronaca rappresentato dalla distribuzione di pubblicazione le ordinanze di custodia cautelare». Lo afferma Alessandra Costante, segretaria generale della Federazione nazionale della stampa italiana. “Chiediamo fin d’ora al presidente della Repubblica Sergio Mattarella – prosegue Costante – di non firmare una legge che potrebbe essere fonte di immani distorsioni dei diritti”. 

“Si tratta – sottolinea Costante – di un provvedimento liberticida non solo nei confronti dell’articolo 21 della Costituzione, ma anche nei confronti delle libertà individuali. È pericolosissimo che non si sa se una persona viene arrestata o meno. E non è pericoloso solo per la libertà di stampa, è pericoloso anche per lo stesso destinatario del provvedimento di custodia cautelare in carcere». Per la segretaria generale del sindacato dei giornalisti, “il ricordo delle dittature, dei desaparecidos, delle persone vengono che alle porte dell’Europa fatte sparire senza che nessuno ne sappia nulla, penso ad esempio ad Alexei Navalny, deve far crescere la nostra attenzione, ma anche quella dei direttori dei giornali, che devono essere al fianco dei colleghi in questa lotta, e delle istituzioni”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Frenata alle presidenziali Usa. Trump fuori dalla corsa in Colorado

Prossimo Servizio

Patto migrazione e asilo. Cosa può cambiare (dal 2024). Dallo screening all’ingresso ai ricollocamenti, sperando funzioni

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu