Nuovi vaccini e monoclonali entro anno. Intanto al via 4° dose per over 80. E si pensa a richiamo autunnale per over 50

Lettura 4 min

“Il vaccino pan-coronavirus e’ l’obiettivo: avra’ tempi piu’ lunghi ma non troppo piu’ lunghi. Intanto arriveremo al prossimo richiamo con un vaccino adattato, con o senza virus influenzale, in autunno”. Cosi’ il direttore generale dell’Aifa Nicola Magrini in conferenza stampa al ministero della salute. La pandemia globale, ha aggiunto, “e’ una emergenza da cui stiamo uscendo”. E’ “da decidere – ha aggiunto Magrini – se vaccineremo tutta la popolazione o solo over50 o over60″. A ottobre saranno disponibili nuovi vaccini e nuovi monoclonali. .”Arriveremo attrezzati”, evidenzia Magrini, secondo il quale il prossimo richiamo autunnale sarà con un vaccino “adattato”. 

Partiranno domani in Piemonte le somministrazioni della quarta dose del vaccino anti-Covid alla popolazione over 80 e agli ospiti delle Rsa. Lo comunica la Regione spiegando che nei prossimi giorni inizieranno anche le convocazioni per gli over 60 fragili con specifiche patologie. Sono in tutto quasi 340 le mila persone con più di 80 anni che hanno già ricevuto la terza dose, di cui circa 30 mila ospiti all’interno delle rsa del territorio. Questi ultimi saranno vaccinati all’interno delle strutture, mentre gli altri riceveranno l’sms di convocazione da parte della propria Asl con data, ora e luogo dell’appuntamento, che sarà possibile spostare attraverso il portale www.ilpiemontetivaccina.it.Come previsto dal piano nazionale, partiranno nei prossimi giorni anche le convocazioni per i circa 117 mila fragili over 60 affetti da specifiche patologie indicate dal ministero della Salute che hanno già ricevuto la terza dose e possono ricevere la quarta. Anche in questo caso riceveranno l’sms di convocazione o una chiamata diretta. 

Questa mattina la Asl di Rieti ha avviato la somministrazione della quarta dose del vaccino contro il Covid-19 agli over 80 e alle categorie a rischio con elevata fragilità tra i 60 e i 79 anni. La decisione è stata assunta dalla Direzione Aziendale a margine del pronunciamento di EMA ed ECDC, la riunione della Commissione tecnico scientifica di AIFA e la formalizzazione della nota congiunta di Ministero della Salute, AIFA, ISS e CSS. Le equipe vaccinali del centro ex Bosi hanno vaccinato in quarta dose i primi 50 over 80 e contestualmente, gli operatori del servizio di assistenza domiciliare integrata e del servizio di assistenza proattiva infermieristica hanno avviato le vaccinazioni nelle RSA, prima tra tutte la residenza sanitaria assistenziale Città di Rieti. 

Nelle Marche da oggi le persone over 80 anni e i soggetti over 60 anni in condizione di elevata fragilita’ possono ricevere la quarta dose di vaccino anti-Covid19 con accesso diretto presso i Punti Vaccinali di Popolazione. Lo rende noto la Regione: “la prenotazione attraverso la Piattaforma Poste sara’ invece possibile dal 14 aprile alle ore 10. Gli over 80 possono recarsi anche in farmacia, i soggetti in condizione di fragilita’ vengono contattati dalle strutture che li hanno in carico ma possono prenotarsi”. Chi ha ricevuto le due dosi del vaccino (o la dose singola se Janssen) del ciclo primario e la prima dose di richiamo booster, spiega la Regione, puo’ accedere alla seconda dose booster dopo almeno 120 giorni da quella precedente. La “dose aggiuntiva viene somministrata al fine di raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria”. Verra’ effettuata con i “vaccini a m-RNA Pfizer o Moderna a prescindere da qualsiasi tipologia di vaccino somministrata in precedenza”. Dal 14 aprile la prenotazione si effettua anche tramite il portale di poste italiane: https://prenotazioni.vaccinicovid.gov.it (

Servizio Precedente

Sala, in Italia c'è spazio per nuova forza politica che unisce ambiente e giustizia sociale. Se arriva tengo antenne alzate

Prossimo Servizio

Commissione Covid Lombardia, secondo la Lega emergono solo responsabilità dal centrosinistra. Regione un modello...

Ultime notizie su Scienza