Marcato, Quello che nasce viene dal malessere del Nord. Tante iniziative, non c’è solo Bossi

Lettura 1 min

“Stanno nascendo altri gruppi, come quello di Umberto Bossi, ed uno e’ quello di Roberto Castelli ed altri, tutti in Lombardia ed e’ dovuto ad un malessere diffuso anche in Veneto a seguito della caduta di attenzione sul nord che ha fatto crescere il romancentrico Fratelli d’Italia”. A dirlo e’ l’assessore leghista veneto allo Sviluppo Roberto Marcato nel commentare la proposta di Umberto Bossi di un “Comitato per il nord” interno al partito. Sulla proposta di Bossi “bisogna capire di cosa si tratta – dice -. Il fatto e’ che comunque e’ un movimento come altri che stanno nascendo all’interno della Lega e che hanno un’unica spinta: riportare al centro la questione settentrionale”. “Il voto a Giorgia Meloni – spiega – ha portato il peso di FdI al nord e, sapendo che non e’ certo un partito attento alla questione settentrionale, si teme che questa scompaia dall’agenda politica”. “Autonomia, federalismo, lavoro e territorio – prosegue -, non sembrano piu’ essere lo scopo della Lega e cosi’ c’e’ chi si smarca e si e’ cominciato a parlarne all’interno del partito nonostante il segretario sia sempre stata l’espressione unica della linea da seguire, ruolo che oggi non appare piu’ tale”. “Non e’ una critica a Matteo Salvini – conclude Marcato – ma piuttosto al cerchio magico che gli sta attorno”. 

Servizio Precedente

Martini: Bene per Comitato del Nord promosso da Bossi

Prossimo Servizio

Boron, consigliere regionale veneto: Non si fanno congressi, si vota il reddito di cittadinanza, non si fa l'autonomia. Iniziativa Bossi figlia del disagio

Ultime notizie su Politica