Il premier polacco Morawiecki: Europa ad una svolta storica

20 Marzo 2023
Lettura 5 min

Riceviamo dall’Ambasciata di Polonia e pubblichiamo il comunicato della Presidenza del Consiglio polacca relativa al discorso programmatico sul futuro dell’Europa tenuto oggi dal premier Mateusz Morawiecki all’Università di Heidelberg, in Germania.

Il 20 marzo 2023, il primo ministro Mateusz Morawiecki ha visitato la Germania per tenere un discorso sul futuro dell’Europa. A un anno dallo scoppio della guerra, l’Unione europea si trova ad un punto di svolta storica e i suoi leader hanno bisogno di visioni coraggiose per rimettersi in carreggiata.

La parte dell’offensiva diplomatica del primo ministro è lo scambio di pensieri e visione strategica per l’ulteriore sviluppo dell’UE con studenti e accademici dell’Università di Heidelberg, a cui si sono uniti rappresentanti degli organi politici tedeschi e dei media europei. Nel suo discorso ha contribuito alla tradizione dei discorsi sul futuro dell’Europa dei leader europei: il cancelliere tedesco Olaf Scholz (2022) e il presidente francese Emmanuel Macron (2017).

Discorso sul futuro dell’Europa

Alla luce delle sfide attuali, il primo ministro polacco ha colto l’occasione per rispondere alla domanda se i valori europei sopravviveranno di fronte a un’invasione russa. Mateusz Morawiecki ha guidato il pubblico attraverso il dilemma se i paesi europei si sarebbero opposti all’insaziabile appetito di dominio della Russia, e alla fine ha presentato idee su cosa si dovrebbe fare per ripristinare la sicurezza, la stabilità e la pace in Europa.

Mateusz Morawiecki ha parlato delle quattro questioni più importanti per il futuro dell’Europa: cosa ci insegna la storia dell’Europa, l’importanza della lotta dell’Ucraina con la Russia, quali sono i valori europei e cosa li minaccia attualmente e infine, come l’Europa può assumere il ruolo di leader globale.

Relazioni polacco-tedesche

“Siamo vicini da oltre undici secoli. Abbiamo vissuto, lavorato, ci siamo preoccupati e abbiamo risolto i nostri problemi non solo fianco a fianco, ma spesso insieme. (…) Oggi, polacchi e tedeschi collaborano economicamente e ciò che crea interdipendenza, ha affermato il primo ministro.

Ma la storia polacco-tedesca e alcune questioni irrisolte rimangono una spina nei nostri rapporti: “Mentre la Germania occidentale era libera di svilupparsi, la Polonia ha perso 50 anni del suo futuro a causa della seconda guerra mondiale. (…) La Polonia non ha mai ricevuto risarcimenti dalla Germania per i crimini della Seconda guerra mondiale, per le distruzioni, le proprietà saccheggiate e i tesori della cultura nazionale”.

La piena riconciliazione (…) è possibile solo quando c’è una compensazione. Abbiamo bisogno più che mai di tale riconciliazione, perché le sfide che dobbiamo affrontare sono gravi, ha affermato il primo ministro.

Guerra in Ucraina

Ora la sfida più grande è la sicurezza. La guerra in Ucraina minaccia non solo quel Paese, ma anche l’intera Europa e i valori europei come lo Stato nazionale, la libertà e la solidarietà.

E oggi i nostri vicini orientali stanno combattendo per questi valori: “La lotta degli ucraini per il diritto all’autodeterminazione nazionale è un’altra manifestazione eroica della difesa dello stato-nazione e della libertà”.

Pertanto, la lotta dell’Ucraina per questi valori determinerà il futuro dell’intero continente: “Oggi gli ucraini stanno combattendo non solo per la propria libertà. Dal 24 febbraio 2022 combattono ogni giorno anche per la libertà di tutta l’Europa. E il nostro futuro dipende da come si svolgerà questa guerra. La sconfitta dell’Ucraina sarebbe la sconfitta dell’Occidente”.

Il neoimperialismo della Russia minaccia i valori della civiltà occidentale e la ricca diversità delle nostre nazioni:  Oggi l’Europa è testimone di crimini commessi in nome di un’ideologia antinazionale. Questo è ciò che motiva Putin: il desiderio di eliminare ogni differenza, distruggere tutte le identità nazionali e fonderle nel grande impero russo”,ha detto Mateusz Morawiecki.

Valori europei

L’Europa non può soccombere a una crisi di identità. Ha ricordato che non possiamo voltare le spalle ai valori che sono alla base della nostra famiglia europea: “L’EUROPA DOVREBBE ESSERE LA CATTEDRALE DEL BENE E L’UNIVERSITÀ DELLA VERITÀ!”, ha sostenuto.

La diversità e l’unità sono caratteristiche che hanno sempre rafforzato l’Europa, determinando il suo fenomeno: “Dobbiamo proteggere anche il nostro patrimonio spirituale, che è costituito da decine di tradizioni culturali e linguistiche diverse. La forza dell’Europa nel corso dei secoli è stata la sua diversità. Condividiamo valori comuni, ma ogni nazione ha la propria identità”.

Il primo ministro ha affermato di “sentire spesso che l’UE abbia bisogno di riforme per espandersi”. Molto spesso si tratta di una proposta mascherata di federalizzazione, ma in realtà è una proposta di centralizzazione. E questo perché la voce “federalizzazione” è una concentrazione del processo decisionale imposta dall’alto. Secondo gli autori di questa centralizzazione chiamata “federalizzazione”- il processo decisionale dovrebbe essere cambiato passando dall’unanimità al voto a maggioranza qualificata in molte nuove aree”.

COSA CI SERVE PER RAFFORZARE L’EUROPA?

Il primo ministro Morawiecki ha proposto soluzioni reali per rafforzare la posizione dell’Europa. Ha avanzato la tesi che: “La forza dell’Europa deriva principalmente dalla sua base più solida, che è la sua solida classe media”. Ha anche affermato che: “La situazione in cui l’1% più ricco dei cittadini accumula più ricchezza dell’altro 99% è scandalosa. E sta accadendo oggi”. Ha ricordato che i paradisi fiscali possono essere chiamati inferni fiscali, perché derubano la classe media e i bilanci statali in Germania, Francia, Spagna e Polonia.

Il primo ministro Morawiecki ha sottolineato l’importanza di combattere le disuguaglianze. La convinzione che la prosperità e la crescita economica potessero essere condivise non solo da un gruppo di ricchi, ma dall’intera società è stata la forza trainante dello sviluppo in Europa. “Questa convinzione sta svanendo e dobbiamo invertire il processo”, ha detto.

Il primo ministro ha avvertito: “Potremmo facilmente cadere – ci attendono culture forti e dittature brutali da altri angoli del mondo“. Il suo desiderio è che i paesi europei siano così militarmente forti da non aver bisogno di aiuti esterni in caso di attacco, ma siano in grado di fornire supporto militare agli altri.

Morawiecki ha ricordato l’importanza dell’indipendenza energetica e che l’Europa deve mantenere una saggia Alleanza.

L’Europa come leader mondiale

Il primo ministro polacco è un sostenitore di un’Europa forte e competitiva. Ritiene che “la cooperazione unita alla concorrenza sia il modo migliore per l’Europa di avere successo in un mondo globale” e nel quadro della cooperazione transatlantica e della NATO. “Dovrebbe essere rafforzata e sviluppata. Allo stesso tempo, dobbiamo sviluppare le nostre capacità di difesa”.

Ecco perché Morawiecki è favorevole a cambiamenti che rendano l’UE più coesa al suo interno e più influente nel mondo. Ha sottolineato la necessità di un equilibrio di potere tra tutti i paesi dell’UE e il completamento dell’integrazione con i Balcani occidentali, l’Ucraina e la Moldavia. Ha sottolineato che l’europeismo si esprime pensando all’allargamento, e non concentrandosi su se stessi e centralizzando l’UE.

Durante il suo discorso, Morawiecki ha incoraggiato a limitare le competenze dell’UE a quelle esplicitamente elencate nei trattati, in particolare nel Trattato di Roma. Il primo ministro avverte inoltre che il processo decisionale nell’UE non può essere trasferito al “quartier generale di Bruxelles” o alla “coalizione dei poteri” e chiede una maggiore democrazia: “Rivediamo le aree soggette all’autorità di Bruxelles e guidati per il principio di sussidiarietà, ristabiliamo un migliore equilibrio. (…) Riduciamo il numero di aree di competenza dell’UE, allora l’Unione, anche con 35 paesi, sarà più facile da navigare e più democratica.

Secondo il leader polacco, “non c’è fine della storia. La storia sta accelerando e portando sfide enormi e completamente nuove!” Tuttavia, durante il discorso, afferma che “L’Europa non è perduta finché viviamo*. Tuttavia non è ancora vittoriosa”, ma è convinto che “se lavoriamo sodo, l’Europa vincerà. L’Europa vincerà!“.

Riferimento all’inno nazionale polacco “La Polonia non è perduta finché viviamo”

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Zaia: Ci facessero anche la Venezia-Monaco… In fin dei conti noi siamo mitteleuropei

Prossimo Servizio

Sangalli per acclamazione riconfermato presidente Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza

Ultime notizie su Politica

Mosca: Con ritiro Biden molto può cambiare

 Il Cremlino monitorerà la situazione, ma considera prioritari non i risultati delle elezioni americane, ma il raggiungimento degli obiettivi del Distretto militare centrale. Lo ha detto il portavoce del presidente russo Dmitry

Biden si ritira dalla corsa per Casa Bianca

Joe Biden ha abbandonato la sua corsa per la rielezione alla Casa Bianca. 81 anni, Biden alla fine ha dovuto cedere alle pressioni sempre più forti di quelli che riteneva i suoi più stretti alleati (tra
TornaSu

Don't Miss