Zaia: Ci facessero anche la Venezia-Monaco… In fin dei conti noi siamo mitteleuropei

20 Marzo 2023
Lettura 1 min

Un’apertura verso Nord per il traffico Veneto è importante. Per ragioni di viabilità ed economiche. Per questo ho avuto un confronto con il vicepremier e ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini, per verificare gli aspetti peculiari del possibile collegamento stradale fra Venezia e Monaco. Un tema di cui si discute da decenni, mai arrivato a definizione. Si sentono voci contrapposte, alcune che dicono che è stata abbandonata, altre più possibiliste. In questo quadro è giusto andare a valutare il tutto fino in fondo”. Lo ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, a margine di un evento in provincia di Treviso. “La prima preoccupazione è sicuramente il rispetto dell’ambiente – ha proseguito Zaia – ma soluzioni come le gallerie, che potrebbero essere innovative, vanno valutate. Dopodichè vedremo se l’idea sta in piedi, se può funzionare e quale sarà l’impatto, ma dire oggi di buttare via un dossier che esiste da anni, decisamente no”. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Zaia ha inoltre aggiunto: “Il treno delle Dolomiti ha una sua storia e non vi abbiamo mai rinunciato. Ha una sua valenza turistica e di sostenibilità ambientale, ma il valico verso Monaco è un’altra cosa. Questa infrastruttura ci porterebbe ancor più nel cuore della Mitteleuropa, che è nelle nostre corde. Darebbe ancora più respiro ad una delle regioni a più alto sviluppo d’Europa”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

I pannelli solari? Fotovoltaico in Svizzera lungo i binari dei treni. L’Italia, invece…

Prossimo Servizio

Il premier polacco Morawiecki: Europa ad una svolta storica

Ultime notizie su Veneto

Maltempo, non è finita. Zaia: Non uscite di casa

 Questa mattina c’è stata un’attenuazione dei temporali, ma poi ha ripreso a piovere ei modelli previsionali dicono “che non è ancora finita”: in Veneto è atteso per oggi un nuovo bollettino “importante”
TornaSu

Don't Miss