Il governatore Fedriga: Prima l’autonomia poi la riforma del premierato

18 Dicembre 2023
Lettura 1 min

“Premierato e autonomia sono due”. riforme che si integrano bene ma hanno tempi diversi. Una ah bisogno di una doppia lettura da parte delle Camere, l’altra ha una procedura ordinaria e necessita solo di decreti attuativi. Mi sembra che l’Autonomia possa giungere in porto prima». Così, in un’intervista a La Repubblica, Massimiliano Fedriga, presidente del Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni. Fedriga poi aggiunge: “Immagino proprio che l’anno prossimo divenga la realtà. Intanto c’è il lavoro importante della commissione che si occupa dei Lep, i livelli essenziali di prestazione”.

Fedriga è convinto che “nelle Regioni del Sud”. l’autonomia sia un bene e rappresenti l’occasione per dimostrare quanto siano virtuosi. Lo abbiamo visto anche durante la pandemia”. E in merito all’ipotesi che Draghi vada a guidare la commissione europea dice: “Draghi è un valore aggiunto per l’Italia, ha autorevolezza e spessore, può portare avanti gli interessi del Paese. Dopodiché, non compete a me stabilirsi in quale ruolo”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Abascal, leader di Vox: Mi chiamano franchista solo per attaccare Meloni

Prossimo Servizio

Seduta notturna del governo per risolvere nodo pensioni di medici. Ponte Stretto: lo Stato gira alle regioni la spesa di 2,3 miliardi

Ultime notizie su Politica

Mosca: Con ritiro Biden molto può cambiare

 Il Cremlino monitorerà la situazione, ma considera prioritari non i risultati delle elezioni americane, ma il raggiungimento degli obiettivi del Distretto militare centrale. Lo ha detto il portavoce del presidente russo Dmitry

Biden si ritira dalla corsa per Casa Bianca

Joe Biden ha abbandonato la sua corsa per la rielezione alla Casa Bianca. 81 anni, Biden alla fine ha dovuto cedere alle pressioni sempre più forti di quelli che riteneva i suoi più stretti alleati (tra
TornaSu