Ciocca (Lega): No pesticidi. Così abbiamo messo in sicurezza il riso italiano in Europa

15 Dicembre 2023
Lettura 1 min

“La decisione intrapresa ieri è una vittoria per il riso italiano e i suoi produttori, vittime di una concorrenza sleale e speculazioni a causa delle importazioni di riso da India, Pakistan, Vietnam, Myanmar e Cambogia, con importazioni che hanno superato i 149 milioni di chili nei primi nove mesi del 2023. Il triciclazolo è un potente pesticida vietato nell’Unione europea dal 2016, ma utilizzato principalmente nei paesi asiatici per la coltivazione del riso. Abbiamo sventato l’ennesima eurofollia”.

L’europarlamentare della Lega, Angelo Ciocca, membro della commissione Agricoltura, celebra la recente decisione del Parlamento europeo di fermare la proposta della Commissione europea di aumentare il limite di triciclazolo nel riso importato da paesi extra UE.

“Una vittoria per il settore del riso italiano e per i suoi coltivatori, i quali hanno lottato per garantire che tutti i prodotti rispettassero gli stessi elevati standard di qualità, preservando allo stesso tempo la competitività del mercato dell’Unione Europea e la salute dei consumatori. Avanti verso la rivoluzione europea del buonsenso!”, ha concluso, ricordando la necessità di difendere un comparto che, solo in Lombardia, vale oltre 1,5 miliardi, con la Provincia di Pavia in testa grazie agli oltre 80.000 ettari coltivati. Proprio la Lombardia ospita oltre il 40% delle risaie made in Italy e il riso italiano rappresenta oltre il 50% della produzione europea.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Manovra caso Italia-Svizzera, Borghi (Iv), stop alla stangata sui nostri frontalieri

Prossimo Servizio

Sondaggi, Fratelli d’Italia cresce e torna al 29,3%. In calo Lega all’8% e Forza Italia al 6,8%. Nel consenso Tajani supera Salvini, in continua discesa

Ultime notizie su Politica

Mosca: Con ritiro Biden molto può cambiare

 Il Cremlino monitorerà la situazione, ma considera prioritari non i risultati delle elezioni americane, ma il raggiungimento degli obiettivi del Distretto militare centrale. Lo ha detto il portavoce del presidente russo Dmitry
TornaSu